little red riding hood - prologue

Racconta un tuo scatto, le scelte prese, l'inquadratura, il soggetto, la tecnica di sviluppo e la metodologia di stampa...

Moderatore: etrusco

Avatar utente
allo490
esperto
Messaggi: 214
Iscritto il: 13/07/2014, 17:29
Reputation:

little red riding hood - prologue

Messaggioda allo490 » 01/12/2014, 13:30

C'era una volta una bambina. Era piccola e le piaceva il rosso. Ciò che forse in pochi sanno è che, appena nata, sua madre la mise nel cassetto del comò insieme ad un cucciolo di lupo, entrambi coricati ogni sera sotto una copertina rossa. Nel tempo gli umani iniziarono a temere i lupi, raccontandosi storie atroci e zeppe di vaccate, e così, ben presto, i due cuccioli finirono separati. Ma la bambina non riusciva a dimenticare, ed ogni volta che poteva, con la scusa di andare a trovare la nonna (in realtà sotto terra da un pezzo), andava a cercare il suo amico lupo coprendosi con la copertina rossa che li unì in fasce.

1466

Kodak TMax-400 135/36 in HC-110 1+50 per 5'; stampa su Fomabrom variant 112 matt 18x24 in Fomadol LQN.

La storia meno romantica è che, di buon mattino, Carolina portava a spasso il Lou in campagna, un paio di mesi fa, ed io gironzolavo li intorno con la Om-4 nuova nuova. Però quando ho visto il negativo è stata immediata l'associazione con cappuccetto rosso. Associazione che mi ha portato a proporre alla protagonista umana dello scatto di acquarellarsi la felpa di rosso. Una prova tecnica in attesa di ristampa dedicata è stata effettuata con (orrore!) fotoscioppe (e devo dire che non è male). La scansione è da multifuzione pozzottissima, ho solo riacchiappato un po' di contrasto tentando di riprodurre a monitor qual che vedevo su carta.


Carlo

Advertisement
Avatar utente
Minoltista
esperto
Messaggi: 217
Iscritto il: 10/12/2010, 18:49
Reputation:

Re: little red riding hood - prologue

Messaggioda Minoltista » 01/12/2014, 13:56

allo490 ha scritto:C'era una volta una bambina. Era piccola e le piaceva il rosso. Ciò che forse in pochi sanno è che, appena nata, sua madre la mise nel cassetto del comò insieme ad un cucciolo di lupo, entrambi coricati ogni sera sotto una copertina rossa. Nel tempo gli umani iniziarono a temere i lupi, raccontandosi storie atroci e zeppe di vaccate, e così, ben presto, i due cuccioli finirono separati. Ma la bambina non riusciva a dimenticare, ed ogni volta che poteva, con la scusa di andare a trovare la nonna (in realtà sotto terra da un pezzo), andava a cercare il suo amico lupo coprendosi con la copertina rossa che li unì in fasce.

1466

Kodak TMax-400 135/36 in HC-110 1+50 per 5'; stampa su Fomabrom variant 112 matt 18x24 in Fomadol LQN.

La storia meno romantica è che, di buon mattino, Carolina portava a spasso il Lou in campagna, un paio di mesi fa, ed io gironzolavo li intorno con la Om-4 nuova nuova. Però quando ho visto il negativo è stata immediata l'associazione con cappuccetto rosso. Associazione che mi ha portato a proporre alla protagonista umana dello scatto di acquarellarsi la felpa di rosso. Una prova tecnica in attesa di ristampa dedicata è stata effettuata con (orrore!) fotoscioppe (e devo dire che non è male). La scansione è da multifuzione pozzottissima, ho solo riacchiappato un po' di contrasto tentando di riprodurre a monitor qual che vedevo su carta.



Avatar utente
Minoltista
esperto
Messaggi: 217
Iscritto il: 10/12/2010, 18:49
Reputation:

Re: little red riding hood - prologue

Messaggioda Minoltista » 01/12/2014, 13:56

allo490 ha scritto:C'era una volta una bambina. Era piccola e le piaceva il rosso. Ciò che forse in pochi sanno è che, appena nata, sua madre la mise nel cassetto del comò insieme ad un cucciolo di lupo, entrambi coricati ogni sera sotto una copertina rossa. Nel tempo gli umani iniziarono a temere i lupi, raccontandosi storie atroci e zeppe di vaccate, e così, ben presto, i due cuccioli finirono separati. Ma la bambina non riusciva a dimenticare, ed ogni volta che poteva, con la scusa di andare a trovare la nonna (in realtà sotto terra da un pezzo), andava a cercare il suo amico lupo coprendosi con la copertina rossa che li unì in fasce.

1466

Kodak TMax-400 135/36 in HC-110 1+50 per 5'; stampa su Fomabrom variant 112 matt 18x24 in Fomadol LQN.

La storia meno romantica è che, di buon mattino, Carolina portava a spasso il Lou in campagna, un paio di mesi fa, ed io gironzolavo li intorno con la Om-4 nuova nuova. Però quando ho visto il negativo è stata immediata l'associazione con cappuccetto rosso. Associazione che mi ha portato a proporre alla protagonista umana dello scatto di acquarellarsi la felpa di rosso. Una prova tecnica in attesa di ristampa dedicata è stata effettuata con (orrore!) fotoscioppe (e devo dire che non è male). La scansione è da multifuzione pozzottissima, ho solo riacchiappato un po' di contrasto tentando di riprodurre a monitor qual che vedevo su carta.



Avatar utente
allo490
esperto
Messaggi: 214
Iscritto il: 13/07/2014, 17:29
Reputation:

Re: little red riding hood - prologue

Messaggioda allo490 » 01/12/2014, 17:26

ps. se voleste aggiungere qualche suggerimento e critica sulla stampa mi piacerebbe molto, dato che trattasi della seconda sessione di stampa ed ho davvero tutto da imparare :)


Carlo

Advertisement
Avatar utente
Aleksej6
guru
Messaggi: 472
Iscritto il: 14/12/2012, 17:09
Reputation:
Località: Ceriale (SV)
Contatta:

Re: little red riding hood - prologue

Messaggioda Aleksej6 » 03/02/2015, 10:47

Ciao, non è male, manca solo un po' di resa 'coloristica'. Non so se hai usato un filtro, ma non pare. Con un filtro verde, o giallo, avresti potuto schiarire il fogliame, facendo risaltare di più la persona.



Avatar utente
claudiamoroni
guru
Messaggi: 638
Iscritto il: 02/05/2012, 17:50
Reputation:
Località: Roma
Contatta:

Re: little red riding hood - prologue

Messaggioda claudiamoroni » 03/02/2015, 13:56

Non so se sia un problema della scansione, ma vista cosí sul mio monitor non mi sembra molto contrastata e la ragazza si perde in un mare di grigi.
Probabilmente colorare di rosso il cappotto aiuterebbe ad attirare l'attenzione sul soggetto, ma al tempo stesso è una tecnica un po' kitsch, a meno che tu non sia Steven Spielberg.
Il mio occhio tende a fermarsi sulla zona di fogliame a sinistra perchè è molto chiara, magari potresti bruciarla un po' in stampa.
In generale secondo me ci sarebbe da lavorare parecchio con mascherature e bruciature, ma non so se ne valga la pena.
Spero di non essere stata troppo dura, ma sono sicura che sai fare di meglio.


"All animals are equal but some animals are more equal than others" George Orwell

Avatar utente
allo490
esperto
Messaggi: 214
Iscritto il: 13/07/2014, 17:29
Reputation:

Re: little red riding hood - prologue

Messaggioda allo490 » 03/02/2015, 15:25

Ciao Claudia, è vero, devo provare a contrastarla di più e correggere un problema, credo di allineamento lampada-condensatore: quasi tutte le stampe, guardando meglio, presentano una caduta di esposizione in alto a sx.
Il fatto che la presenza umana sia marginale in effetti è parzialmente voluto, mi sarebbe piaciuto dare un forte senso di profondità al bosco (che su carta un po' si avverte), ma non saprei come valorizzare lei come secondo elemento.
Grazie per i consigli, proverò con qualche mascheratura ed un contrasto più elevato.

Aleksej, grazie e, in effetti no, i filtri li ho appena acquistati e col senno di poi li avrei voluti usare in parecchi scatti.

Alla fine col colore ho desistito dopo un paio di tentativi, proprio non era adatto :)


Carlo

Avatar utente
Aleksej6
guru
Messaggi: 472
Iscritto il: 14/12/2012, 17:09
Reputation:
Località: Ceriale (SV)
Contatta:

Re: little red riding hood - prologue

Messaggioda Aleksej6 » 03/02/2015, 15:28

allo490 ha scritto:
Alla fine col colore ho desistito dopo un paio di tentativi, proprio non era adatto :)


Evvai...





  • Advertisement

Torna a “Racconta uno scatto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite