Una carta una

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
luciano.xxk
esperto
Messaggi: 213
Iscritto il: 02/01/2014, 13:37
Reputation:

Una carta una

Messaggio da luciano.xxk »

Apro un nuovo threat, scusandomi se l'argomento sarà stato trattato anche molte volte.

Per spiegare il senso della domanda, una breve premessa: ho stampato per molti anni (più di 30), usando più o meno tutti le carte; in senso generale, non potrei considerarmi un beginner.
Poi però ho praticamente smesso per più di 10 anni.

Recentemente ho rispolverato termometro, bacinelle ed ingranditore e ho ricominciato (...che divertimento...)

Sono tornato subito alla carta che era un po' il mio standard (Ilford Multigrade baritata) ma ho l'impressione che i materiali nel frattempo siano cambiati abbastanza.

La domanda: devo fare un lavoro (diciamo 30 stampe 30x40); al giorno d'oggi una bella carta?
I miei limiti: a tono non caldo, baritata, non troppo leggera.

Grazie, leggerò con piacere ogni Vs contributo.

Ciao Luciano



Avatar utente
Pacher
superstar
Messaggi: 2986
Iscritto il: 22/01/2013, 22:12
Reputation:
Località: purosangue Trentino

Re: Una carta una

Messaggio da Pacher »

Cos'è per te una bella carta?

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11719
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Una carta una

Messaggio da Silverprint »

Ci sarà a breve la nuova Ilford che sostituisce la MG IV, quindi comunque sarai costretto a cambiare... :)
La MG IV era un po' limitante, poco reattiva, con un incrocio delle curve a volte evidente. La nuova potrebbe essere migliore.

A me piacciono la Bergger NB e la Adox MCC. Trovo che lavorino molto bene.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
luciano.xxk
esperto
Messaggi: 213
Iscritto il: 02/01/2014, 13:37
Reputation:

Re: Una carta una

Messaggio da luciano.xxk »

Ho letto il threat fiume che ha coinvolto te (edit: ho visto la risposta di Silverprint che ringrazio, la risposta era al primo messaggio di Pacher), Silverprint, DDS e sporadicamente qualcun altro: credo che ci intendiamo: modulazione tonale ampia, giusta gradualità di risposta alla variazione dei filtri Y/M, bianchi non gessosi, neri corposi...
Posso continuare, ma il problema è che le parole possono essere giuste, ma sono sempre proporzionate alla sensibilità di chi le usa.

Avevo trovato il massimo con alcune carte non più prodotte (Record Rapid Agfa, che però era al clorobrumoro, ed a tono caldo quasi come la Portriga, Elite Kodak, e c c e z i o n a l e).
A differenza di tanti altri non mi sono mai innamorato della Oriental, gran prodotto ma secondo me troppo tecnica e poco "poetica" (ma come posso descrivere una sensazione?).

Tra le carte che poi si trovano, senza fare ordini in Perù, quali hanno caratteristiche che le avvicinano a quelle di una quindicina di anni fa?

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11719
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Una carta una

Messaggio da Silverprint »

Quelle citate, direi. Però non ho idea di cosa si trovi laggiù!

Penso che lavorando a dovere la Adox MCC (e facendo negativi adatti a ciò che cerchi) si possa andare abbastanza vicino ai risultati di Record Rapid e Portiga, volendo anche avvicinarsi al tono della R-Rapid. A mio parere ora la Adox è piuttosto vicina alla MCC originale.

A suo tempo fui abbastanza d'accordo con Agfa nel ritenerle superate (perché a gradazione) e sostituibili dalla Agfa MCC. Al laboratorio potemmo fare adeguate prove a confronto con la R-Rapid ed era emulabile, forse giusto il tono molto "verde" che usciva col Metinol non si riusciva a ripetere.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
luciano.xxk
esperto
Messaggi: 213
Iscritto il: 02/01/2014, 13:37
Reputation:

Re: Una carta una

Messaggio da luciano.xxk »

Grazie Andrea, credo di aver letto molto, ma tu sei davvero un pozzo inesauribile!
oh, io son un semplice dilettante, le mie prove, per quanto prolungate nel tempo, erano sempre sporadiche e spesso disordinate e poco sistematiche.

Come sviluppi usavo quelli che vendevano nella mia città (mica c'era internet): Bromor ST50, Normaton ST18, Neutol, qualche volta DK50; quando Zanichelli pubblicò "Il Negativo" (penso di aver acquistato la primissima edizione), tutti a cercare il Selectol Soft, per non parlare del Dektol; magari mescolati tra loro come diceva il vecchio per approssimare l'effetto delle formule di Beers (mai usate).

Adesso comunque cerco più un effetto da Elite che da RRapid, mi serve un tono più freddo.

Dunque, vedo di fare una prova o con Adox o con Bergger, e Vi farò sapere le prime impressioni.

(ps: la Multigrade Ilford ha un mantenuto una bella superficie, forse un pizzico più lucida, senza smaltatura, di come la ricordavo, ma nel rivelatore ha un comportamento quasi da politenata: pilota solo l'esposizione, e lo sviluppo prolungato gli fa più o meno un baffo...inoltre faccio più fatica di prima a riottenere, sotto pressa, una perfetta planeità)

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4826
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Una carta una

Messaggio da impressionando »

La Bergger NB per me è piuttosto freddina e difficilmente scaldabile.
La MCC è più docile.
Altra cosa importante la NB è più secca e decisa, la MCC più morbida.
Per me sono carte molto diverse... complementari ma non alternative una dell'altra.
Il Bromor è sostituibile con l'Euko, per l'ST18 e il Neutol trovi alternative molto simili se non uguali.
L'Oriental è molto cambiata pure lei....
....molto cambiata è pure la Galerie ma fatico tutt'ora a disaffezionarmi e volendo gli cavi quel tono infondo infondo caldino....

Avatar utente
luciano.xxk
esperto
Messaggi: 213
Iscritto il: 02/01/2014, 13:37
Reputation:

Re: Una carta una

Messaggio da luciano.xxk »

Grazie anche a te Paolo

Ciao Luciano

Avatar utente
luciano.xxk
esperto
Messaggi: 213
Iscritto il: 02/01/2014, 13:37
Reputation:

Re: Una carta una

Messaggio da luciano.xxk »

Riapro l'argomento per darvi un doveroso feedback dopo i Vs consigli; dunque, ordinata Bergger e Adox, arrivate una decina di giorni fa, stasera finalmente ho stampato un po'.

Sono partito dalla Bergger: bellissima!
Confermo alcuni dei Vs giudizi:
- Neutra, ma verso il freddo (in developer Multigrade Ilford 1+9)
- Risponde bene alla variazione di sviluppo
- Velocissima come tempo di comparsa (12 - 15 sec); fa concorrenza alle politenate
- Un po' più contrastata di altre a parità di gradazione (direi 1/2 grado)

Mi piace molto la leggera texture superficiale, e direi che abbia un dry down VERAMENTE limitato.

Insomma, un gran prodotto.

Dovessi dire a cosa assomiglia delle "vecchie" sarei in difficoltà; forse vagamente ricorda la Forte, ma è giusto ricornoscerle una personalità propria.

Ciao Luciano

Avatar utente
Pacher
superstar
Messaggi: 2986
Iscritto il: 22/01/2013, 22:12
Reputation:
Località: purosangue Trentino

Re: Una carta una

Messaggio da Pacher »

Riapro questo topic perché ho voglia di chiacchere.
Stasera ho ripreso in mano la Bergger NB dopo due mesi che usavo solo la Ilford Galerie. Dopo i primi due fogli volevo ripassare alla galerie, il fatto di scegliere il contrasto già mi scocciava :))
Dopo qualche foglio ci ho fatto l'occhio e ora ho l'impressione che basta mettere un filtro 2 e dare 20 secondi di esposizione e tutto esce automaticamente. Come diceva Impressionando sarà che è una carta facile :-?? Non so se sia la pellicola o la carta o le due ma escono dei bianchi da urlo.. \m/
Le tmax cominciano ad uscir carine e le stampe seguono…
Mi sono (come al solito) divertito come un bimbo, grazie anche ai bei soggetti... :D

Rispondi