Una pinhole seria?

Disussioni sulle tecniche alternative come l'infrarosso od il foro stenopeico

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
|DDS|
guru
Messaggi: 745
Iscritto il: 05/01/2013, 10:19
Reputation:

Una pinhole seria?

Messaggioda |DDS| » 18/03/2016, 17:29

Ciao! :)

Vorrei acquistare una pinhole 4x5", grandangolare non troppo spinta (attorno ai 60mm), per un piccolo progetto fotografico che rincorro da tempo.
L'utilizzo di una pinhole è legato al progetto stesso, ma non alla filosofia low-fi: ho bisogno di qualità, costanza nei risultati e di una certa sperimentazione.
Sono consapevole dei limiti di questi apparecchi, ma cerco comunque il miglior compromesso tra semplicità di costruzione, costi e prestazioni (pulizia dell'immagine; definizione; vignettatura non eccessiva; affidabilità dei materiali).

Per ora avrei preso in considerazione questi quattro marchi: Lensless Camera Co, Delamont, Stenopeika, ZeroImage.
Ma valuto volentieri anche eventuali alternative.

-La Lensless 75mm (o SantaBarbara, o come diavolo si chiama) costa una sessantina di dollari e sembrerebbe funzionare gran bene; ho scritto a B&H e tra spedizioni e dogana arriva a 150$: più care le tasse della macchina !

-La Delamont 4x5 è italiana; ho già scambiato un paio di mail con il costruttore e mi sembra un ottimo prodotto.
E' fatta a mano con legni di pregio; ha due livelle; un solo attacco per il treppiedi (peccato!); foro calibrato con precisione micrometrica: risolvenza notevole, zero vignettatura. Mi piace molto, la comprerei anche ma, onestamente, sono un pò frenato dal prezzo: 190€.

-Con Stenopeika il prezzo non è da meno: 195€! E' uscito il nuovo modello, molto curato: sempre modulare, elastici sostituiti dai magneti (soluzione interessante!), offre l'utilizzo di più focali (40+65mm/40+65+90mm), ma dalla descrizione non capisco se in dotazione offrano un unico foro compatibile con tutte, oppure un foro calibrato per ciascuna.

- Zero Image: ottima fattura, forse fin troppo raffinata per i miei gusti; ha una buona fama, ben costruita e curata nei dettagli; multiformato e con la possibilità di montare tre fori calibrati per ciascuna focale. 160-200$

In passato ho già avuto modo di dedicarmi alla fotografia stenopeica costruendo macchine di ogni foggia e fori in carta spagna su misura; non possiedo però gli strumenti per lavorare il legno a regola d'arte e portare a termine un progetto pienamente soddisfacente.
Ho anche pensato di montare la piastra pinhole (ne ho già una) alle linhof, ma non è quel che cerco.

Certo è che prima di investire quasi duecento euro per una scatola mi piacerebbe conoscere il parere di qualcuno che utilizzi costantemente una di queste fotocamere (o, meglio ancora, possa suggerirmi qualcosa di altrettanto funzionale ma più economico) e che possibilmente stampi i negativi in camera oscura.

Ammazza quanto ho scritto :ymblushing:, pardon!
Grazie mille.
Enrico


Enrico

Advertisement
Avatar utente
Pacher
superstar
Messaggi: 2982
Iscritto il: 22/01/2013, 22:12
Reputation:
Località: purosangue Trentino

Re: Una pinhole seria?

Messaggioda Pacher » 19/03/2016, 9:08

Caro DDT, non penso ci siano molti utilizzatori di pinhole "serie" visto che di solito se le autocostruiscono, che stampi per davvero poi...ce ne saranno ancora meno..all'epoca avevo dato un'occhio alla ilford 8x10 ma costava un'occhio della testa. Magari prova a cercarne una delle 4 citate sopra ma di seconda mano...
Ciao Enrico
Immagine



Avatar utente
|DDS|
guru
Messaggi: 745
Iscritto il: 05/01/2013, 10:19
Reputation:

Re: Una pinhole seria?

Messaggioda |DDS| » 19/03/2016, 10:50

Pachinko! A bello! :^o :ymhug:

Immaginavo fosse un buco nell'acqua il thread, ma ho voluto provarci lo stesso: ho letto in giro un sacco di recensioni gloriose e appassionate su ste pinhole blasonate; ma le mode giocano brutti scherzi, e io mi fido solo di voi bastardi senza gloria.

Inizialmente anch'io ero orientato all'8x10, ma non sono attrezzato per ingrandirlo; e poi, solo di pellicole, caro mi costerebbe sto sfizietto... per un progetto poi che me darò in fronte.
Usato ancora niente, ma sto coi radar puntati.

Altrimenti sì, costruirla! Seria, appunto, hai colto nel segno: già fare una scatolina bellina in legno, ben fatta, non è da tutti: non è da me.
E fora, e le bave, e calcola, e calibra, e prova, e ricalcola, e vignetta, e ricomincia, eccheppalle! A monitor tutte bòne ste pinhole, poi quando le metti su carta :ymsick: .

Ciao Andrè!


Enrico

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 3363
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Una pinhole seria?

Messaggioda graic » 19/03/2016, 11:02

Anche perchè, se l'ottica non è una opinione, a parte la rigorosa ortogonalità dei piani e la altrettanto alta precisione del foro, cose non certo mostrusamente difficili da ottenere, non capisco cosa distingua una seria da una 'poco seria' (magari va in giro a fotografare con sconosciuti.
Se poi la serietà coincide col lucido degli ottoni e la preziosità dell'essenza, vabbè il bello piace (più o meno) a tutti, ma queste cose certamente sulle foto non si vedono.


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
Pacher
superstar
Messaggi: 2982
Iscritto il: 22/01/2013, 22:12
Reputation:
Località: purosangue Trentino

Re: Una pinhole seria?

Messaggioda Pacher » 19/03/2016, 11:07

perche non la Ilford Obscura? dovresti cavartela con un centone.



Avatar utente
emigrante
guru
Messaggi: 1229
Iscritto il: 26/11/2012, 21:39
Reputation:
Località: Abruzzo

Una pinhole seria?

Messaggioda emigrante » 19/03/2016, 12:15

Se opti per il fai da te il buchetto lo puoi comprare già fatto da Adriano Lolli
Li fa già montati su adattatori per attaccarli alle fotocamere.
Nel tuo caso lo attaccheresti ad una scatola con uno chassis in fondo

Ciao
Marco



Avatar utente
|DDS|
guru
Messaggi: 745
Iscritto il: 05/01/2013, 10:19
Reputation:

Re: Una pinhole seria?

Messaggioda |DDS| » 19/03/2016, 12:26

Ops.. ogni tanto dimentico che qui siamo alla Crusca. Porgo sentite scuse e un omaggio petaloso @};- .

Non è affatto semplice costruire buone macchine: costruirne di precise e solide al tempo stesso, che resistano agli anni, alle intemperie e agli scossoni; scegliere il legno adatto e trattarne le superfici a dovere; lavorare puliti su spessori di 25 micron...
Perdonami Graig ma non ho capito la questione degli ottoni lucidi; ho letto del sarcasmo tra le righe, probabilmente sbaglio. :)
Comunque seria vuol dire non ridicola, perché ridicolo spesso significa inutile, e vale un pò per tutto.

@
Avatar utente
Pacher
Ora mi informo meglio sull'Obscura, non male, peccato solo un pò lunghetta (87mm).

@
Avatar utente
emigrante
Il caro Lolli lo terrò senz'altro in considerazione qualora decidessi di costruirne una.


Enrico

Avatar utente
|DDS|
guru
Messaggi: 745
Iscritto il: 05/01/2013, 10:19
Reputation:

Re: Una pinhole seria?

Messaggioda |DDS| » 19/03/2016, 12:47

Vabbè, ho fatto trenta, faccio trent'uno: mi metto alla berlina.
Un pò volevo arrivare a questo, la butto lì! x_x

so che quì dentro è pieno di "bravi ragazzi" abili con sgorbia e scalpello.
L'abbiamo già fatto con il Timer, con risultati eccezionali (a quanto leggo a breve uscirà il 2.0! Grande Daniele !).

Facciamo un disegnino al computer.
Ne ho di già pronti fatti al volo con google sketch-up, ma non so metterli in pratica.
Io faccio il tifo ed il motivatore, e soprattutto metto già da ora i soldi sul piatto.

Perché non dare alla luce la prima Pinhole tutta nostra (nostra è un parolone, ultimamente bazzico poco!), una pinhole SERIA di Analogica?
Famone due!!! Una 4x5 e una 8x10: io le compro tutte e due! E pure Pacher... vero Andrè?
Famone tre! 8-}

Al giusto prezzo ci sarà interesse, ne ordineranno un container.
Chi non vorrebbe la sola, l'originale, pinhole di Analogica?

Funzionale, senza fronzoli, senza ottoni lucidi (phfff): studiata dai "fotografi" per i "fotografi"!
Magari modulare, ma anche no! Magari senza elastici. Doppia bolla e doppio attacco per il treppiede: insomma, la "summa" delle altre, ma economica, in barba alle altre!

La chiamiamo Pinhol-ogica.... Anal-hole no perché suona male, ve lo dico!

Al solito mi sono fatto prendere dall'entusiasmo. Scusate.
Enrico


Enrico

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4818
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Una pinhole seria?

Messaggioda -Sandro- » 19/03/2016, 13:18

|DDS| ha scritto:
Al giusto prezzo ci sarà interesse, ne ordineranno un container.
Chi non vorrebbe la sola, l'originale, pinhole di Analogica?



In itaglia produrre "al giusto prezzo" è semplicemente impossibile, troppe gabelle, troppi lacci e lacciuòli, troppi vincoli, troppe tasse.
Mi spiace infrangere il tuo sogno, e considera che ho visto di persona la stenopeika, una stupida scatola di legno con un foro su carta di spagna.

Domanda: esistono fori stenopeici da adattare alla maggior parte di fotocamere medio formato. Pensaci su, è veramente necessario abbattere dei faggi della sila per soddisfare il tuo progetto?



Avatar utente
|DDS|
guru
Messaggi: 745
Iscritto il: 05/01/2013, 10:19
Reputation:

Re: Una pinhole seria?

Messaggioda |DDS| » 19/03/2016, 14:29

Ecco, appunto! Sono assolutamente d'accordo Sandro, come potrei non esserlo.

A me dispiace sempre, a prescindere, di non riuscire ad incentivare qualsivoglia produzione italiana, anche di questi apparecchi.
Eppure guardandomi attorno mi trovo ogni volta nella condizione di aver bisogno pratico di una cosa, senza riuscire a spendere tutti quei soldi perché, a mio modesto avviso, non li vale; dopotutto i duecento euro in sé non sono tantissimi, però sono bloccato: è una faccenda in primis di buonsenso e solo in secundis di mere tasche vuote.

Sono stato schiacciato dal cinismo quando ho provato a vendere al giusto prezzo le mie patate biologiche a coloro i quali continuavano a preferire i cestoni dei supermercati, con buona pace della qualità. Non so se avessero ragione, ma sicuramente non avevano torto, poveracci.
Ahimé, nel mio piccolo, so cosa significa avere una partita iva, la pressione fiscale, i controlli, la qualità, e riuscire a mantenere costi ragionevoli. E capisco i produttori di ste benedette pinhole.

Però, porca miseria, duecento euro per una scatola sono oggettivamente tanti! E dai!
La scatola può valerli, ma restano tanti.
Voglio credere che il prezzo sia congruo ai materiali scelti, al tempo speso nei progetti, eccetera. Voglio mettere di mezzo le tasse e tutto...
Restano tanti.
Peccato!

Vabbè, chissenefrega, è un discorso fin troppo egoistico: dopotutto per ogni stupido singolo non disposto a comprare troveranno cento acquirenti.

Il foro sulla medioformato, il foro sulla folding 4x5 sono tutte soluzioni assolutamente funzionali e meritevoli di considerazione.
C'è però in gioco il "progetto" che, per farla breve, prevede l'uso di una semplice scatola di luce. Ho avuto una mezza visione stralunata, la sera raramente sono sobrio e quella notte non lo ero di sicuro: sono in ballo lo spazio, il tempo, la fisica, la natura, le piante, il legno e voglio che tutto sia coerente, anche negli strumenti utilizzati.

Quanto agli alberi, il progetto stesso ha come obiettivo quello di sensibilizzare l'opinione pubblica- anche, ma non solo: è abbastanza ampio - sui cambiamenti ambientali che interessano i boschi del mio territorio: magari ne abbatto un pezzettino di albero, ma punto i riflettori su qualche migliaio.
Se mai ci riuscirò, s'intende! La strada è ancora lunga, ho solo buttato giù due righe e preso qualche contatto.

Dai, continuo a credere alla Pinhologica: facciamocela solo per noi, senza pretese di guadagno e vendite al di fuori del forum.
Circolo "chiuso". Chiuso tra virgolette: siamo in tanti.
Dai, dai, dai, dai!
Ce serve un falegname, uno bravo ma neanche troppo, su !

Ciao :)


Enrico



  • Advertisement

Torna a “Tecniche alternative”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite