Uniformità trattamento negativi

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Uniformità trattamento negativi

Messaggio da paolob74 »

Ciao Ragazzi...

Apro un nuovo post...

Non è completamente inerente alla jobo CPE2 e neanche al 4 x 5... Al limite potete spostarlo.

Spiego brevemente l'evoluzione della problematica:

Ho iniziato a utilizzare il neofin blu su consiglio di Silverprint per migliorare la visualizzazione delle zone alte (vedi post "test sistema zoonale"), davvero un ottimo prodotto.

Utilizzato per lo sviluppo della Neopan acros Fuji 120, mi ha dato ottimi risultati...

Ho poi cambiato tutto:

Ingranditore
Fotocamera 4 x 5
Pellicola
Carta

Viste le soddisfazioni con il neofin ho deciso di iniziare una serie di test per allineare tutto il nuovo sistema... Sono iniziati i problemi!

Ho iniziato a sviluppare con questo prodotto: http://www.bhphotovideo.com/c/product/2 ... i_4_x.html

Il negativo veniva macchiato, si vedevano il getto di entrata dei chimici, procurava diverse densità... (terribile)

Il forum mi ha consigliato di utilizzare due opzioni, sviluppo in bacinella o utilizzo di CPE 2 jobo per uniformare i risultati.

Ho provato con le bacinelle, la pellicola esce perfetta ma il procedimento è lungo e laborioso. Purtroppo la mia CO è fredda e ha infiltrazioni di luce, davvero un cinema mantenere i chimici in temperatura.

Ho sviluppato con una bacinella 13 x 18 dentro un altra vasca termoriscaldata... Agitazione continua a mano per 12 minuti... Che pall...

Allora per ovviare ai diversi problemi sopra elencati mi sono aggiudicato su Ebay una bella CPE2 usata in tedeschia... Completa di tutto e perfettamente funzionante... Cifra ragionevole...

Pensavo di risolvere problemi di temperatura e uniformità ma....

Oggi prima prova con pellicola neopan 120, visto che è tutto nuovo devo provare tutto (35mm - 120mm - 4 x 5)

Ho fatto un test con i seguenti dati:

NEOPAN ACROS ESPOSTA 50 ISO

NEOFIN BLU (SULLE ISTRUZIONI VIENE DATO PER UN FLACONE A 700ML) Visto che la tank ruota serve solo 240ml, ho diviso il liquido del neofin in 15ml (una boccetta ne ha 30)

TOTALE SVILUPPO 11 MINUTI

PROCEDURA: Butto lo sviluppo / metto la tank sul motore / velocità 1 / a 10 secondi dalla fine tolgo svuoto e metto arresto / dopo 1 minuto svuoto e metto fissaggio / dopo 4 minuti tolgo e lavo

Tutto misurato a 20 gradi .

Non parliamo delle densità, sono "buone" ma...

Ho provato due negativi e purtroppo hanno entrambi lo stesso problema, le zone alte sono tutte macchiate... Si vede una riga a metà negativo e delle macchie, sembrano l'altezza iniziale del liquido (quando la tank viene riempita ed è in piano) e il risultato del getto iniziale.

Insomma dopo un macello di prove e cambiamenti sono ancora con pellicole macchiate :(( :(( :(( :((

Perchè si macchiano solo le zone dense?

Come può lasciare il segno uno sviluppo in 3 secondi di permanenza? (ho guardato il tempo di riempimento iniziale, circa 5 secondi)

E' troppo aggressivo il neofin per questa procedura?

La CPE2 viene appunto consigliata per ovviare a questi problemi. :wall:

Non capisco cosa cambia dallo sviluppo che facevo in tank manuale, 700ml / 30ml..?

In teoria dovrei dividere 30 per 700 e moltiplicare per 240... risulta 10,2 di sviluppo... Secondo voi 5ml in più possono rendere lo sviluppo cosi aggressivo?

Magari i risultati sono cosi perchè lavoro su una superficie uniforme, considerando una foto normale cosa dovrebbe succedere?

O devo arrendermi e cambiare sviluppo? Ne ho comprati 20 per avere lo sconto.... :(( :(( :((



-



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12628
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Uniformità trattamento negativi

Messaggio da Silverprint »

Ciao!

Non credo proprio che lo sviluppo c'entri qualcosa.
La concentrazione è aumentata, ciò richiederà una diminuzione dei tempi, così pure l'agitazione continua, ma il Neofin Blu non è aggressivo.

La rotazione è fatta con inversione periodica del verso?
La quantità minima di chimico per un rullo è riferita alla pellicola in posizione esterna, se si fanno due rulli (sulla stessa spirale) o il rullo è posizionato internamente, ne occorre di più (a memoria non ricordo meglio...).

In un caso simile proverei addirittura un breve pre-bagno...
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Uniformità trattamento negativi

Messaggio da paolob74 »

Ciao Silver...

Grazie come sempre per le consulenze...

Allora rispondo alle tue domande:
La rotazione è fatta con inversione periodica del verso?
Si, velocità 1 con inversione periodica...
In un caso simile proverei addirittura un breve pre-bagno...
Come funziona?

Faccio un lavaggio della pellicola con acqua pura per qualche secondo?

Ho guardato un pò in rete ma ci sono pareri discordanti sull'utilizzo, Andrea mi illumini? Tempi quantità, ecc....

^:)^ ^:)^ ^:)^

Ps... Una informazione che non ho dato precedentemente, per tutti i bagni utilizzo acqua distillata ad osmosi, ma l'ho sempre fatto e non credo che cambi i risultati....

La jobo indica per l'utilizzo a rotazione una quantità di 240ml... Vedi foto allegata....

Comunque il negativo 120 è inserito correttamente, singolo e non viene spinto a fondo.
Allegati
jobo.jpg
jobo.jpg (17.27 KiB) Visto 2380 volte

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12628
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Uniformità trattamento negativi

Messaggio da Silverprint »

Ciao Paolo!

Allora visto il viziaccio, fai prima un tentativo con acqua del rubinetto!

L'unica volta che ho visto negativi non uniformi uscire da una Jobo era colpa dell'acqua troppo morbida.

Il pre-bagno è generalmente inutile anche se da molti amato, comunque può servire per rallentare di qualche secondo il tempo di "attacco" del rivelatore. Quindi se le macchie fossero dovute al tempo che intercorre tra il riempimento e l'inizio della rotazione può aiutare. Un minuto dovrebbe bastare allo scopo.

Hai l'unitank. Nel post precedente mi riferivo alle tank più larghe.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Uniformità trattamento negativi

Messaggio da paolob74 »

Utilizzo acqua osmosi perchè dove vivo ho un acqua davvero durissima...

Ferro da stiro e lavatrice distrutte nel giro di due anni.

Comunque faccio qualche prova prima con acqua del rubinetto poi prelavaggio....

Vi aggiorno....

Grazie 1000

Avatar utente
zioAlex
superstar
Messaggi: 2037
Iscritto il: 14/07/2011, 15:26
Reputation:
Località: Albano Laziale (rm)

Re: Uniformità trattamento negativi

Messaggio da zioAlex »

anch'io credo che possa dipendere dall'acqua "non appropriata"..
In alcuni casi é richiesto l'utilizzo di acqua distillato o demineralizzata ma in altri casi é sconsigliata... ;;)
oppure prova a mettere prima lo sviluppo in tank e dopo ad immergere la spirale inpellicolata... :-h
Nikon F4 Nikon F80
Nikkor-Q Auto f.135/2.8 Sigma 28/70 2.8
I.F.F. Eurogon con testa colori sottrattiva
**************
nokia C7

Avatar utente
porcospino99
guru
Messaggi: 304
Iscritto il: 28/10/2010, 12:06
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Uniformità trattamento negativi

Messaggio da porcospino99 »

hai provato a stare un po' più largo con chimici? io per le stampe a colore rispetto ai 120cc (mi sembra consigliati) ne metto il 50% in più con meno avevo macchie e aloni che poi sono spariti, non so se si può verificare anche con le pellicole ?!
con al cpe non ho mai avuto questi problemi...

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi