Pagina 1 di 1

Kodalk

Inviato: 19/07/2019, 11:35
da colonial
Salve a tutti
Dopo quasi 40 anni vorrei tornare a cimentarmi col Kodak DK50;
Il mio problema verte sulla preparazione del Kodalk, che in base a formule della stessa Kodak, si ottiene mescolando 1 parte di Borace con 0.21 di Soda Caustica;
Il problema e' come;
Mescolo insieme le polveri e poi le aggiungo agli altri componenti? sarebbe come aggiungere separatemente il Borace e la Soda, non so se va bene, credo che l'ordine di introduzione dei componenti sia importante.
Preparo una soluzione da aggiungere alla soluzione gia' contenente gli altri componenti? pero' con quanta acqua?
Preparo la soluzione di Kodalk con tutta l'acqua della formulazione, quindi una soluzione di Kodalk, a cui aggiungo in seguito gli altri componenti?
Un grazie anticipato.

Re: Kodalk

Inviato: 19/07/2019, 13:44
da mska59
IMG_1401.jpg


Vedi se trovi la risposta qui (è da darkroom cookbook)


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Re: Kodalk

Inviato: 19/07/2019, 14:56
da colonial
Ti ringrazio per la risposta, comunque ho trovato la soluzione e magari a qualcuno interessa.
Per fare il canonico litro di DK50 occorrono 10 gr di Kodalk;
Una soluzione che contiene i 10 gr di Kodalk si ottiene cosi:
A 100cc di acqua fredda si aggiungono 1.5 gr di Soda Caustica, aggiungere sempre la soda all'acqua e mai viceversa, utilizzando degli occhiali di protezione: una gocciolina di soda in un occhio lo rovina per sempre senza scampo, non e' uno scherzo;
Poi aggiungere 7.5 gr di Borace dissolvendoli con cura.
Preparare il DK 50 partendo da 700 cc di acqua, aggiungere i vari componenti e quando e' il momento del Kodalk aggiungere la suluzione di cui sopra;
Aggiunti tutti i componenti aggiungere acqua per arrivare a 1000 cc.
Spero di non aver detto castronerie.
Stasera lo provo.

Re: Kodalk

Inviato: 19/07/2019, 15:25
da garellix
per curiosità quali sono le peculiarità di questo sviluppo?

Re: Kodalk

Inviato: 19/07/2019, 16:03
da chromemax
Uno dei motivi che mi ha lasciato sempre perplesso nel creare il metaborato da idrossido di sodio e borace è che per fare le cose a modo si dovrebbero usare metodologie di chimica analitica quindi reagenti di purezza e freschezza adeguata e bilance di precisione analitica.
Inoltre c'è parecchia ocnfusione in rete a riguardo, c'è chi dice che per 100g di Kodalk bisogna usare 45.45 g borax + 9.53 g NaOH, ma anche che per 10g di kodalk sono equivalenti a 7g Borax + 1.5g di idrossido di sodio.
L'uso di quantità non corrette, reagenti che hanno assorbito anidride carbonica o acqua dall'aria, acqua di cristallizzazione non calcolata, ecc. portano facilmente ad avere sbalzi di pH nella preparazione di un bagno con l'altro, con conseguente poca ripetibilità dei risultati.
Non so dirti adesso se il valore di pH del DK-50 è riportato da Kodak, nel caso si possono affettuare delle correzioni durante la preparazione (a parte che non è solo un problema di pH dato che alcalinizzare con una sostanza piuttosto che con un altra dovrebbe portare in ogni caso a delle differenze).
Per evitare confusione personalmente ho sempre preferito usare il metaborato di sodio già pronto.

Re: Kodalk

Inviato: 19/07/2019, 16:37
da -Sandro-
colonial ha scritto:aggiungere sempre la soda all'acqua e mai viceversa


Non è acido solforico, invertendo non cambia nulla.

Re: Kodalk

Inviato: 20/07/2019, 16:45
da colonial
Diego:
I prodotti chimici li compro da Bostik&Sullivan oppure da Photographer Formulary quando mi trovo in Messico, anche se di recente sono diventati difficili da ricevere con spese di spedizione alle stelle e da Fotomatica ed altri quando soggiorno in Italia;
Suppongo che i prodotti siano di buona qualita' e ragionevolmente freschi; oppure no?
Quanto mi dici metterebbe una seria ipoteca sul fai da te dei reagenti fotografici;
La situazione e' davvero cosi' critica?
Pur sapendo assai poco di chimica sono abituato a lavorare con cura, metodo e precisione ma supporre che tutto questo risulti poi alquanto aleatorio e' sconfortante.
Garellix:
Il DK50 come ho detto sono 40 anni che non lo uso; era il rivelatore con cui si "tiravano" le pellicole (moda del tempo);
Al tempo lo utilizzavo con la HP4 e con la Recording, esposta a sensibilita' stratosferiche e stampata su carta del 5: high key garantita.
La grana era molto piacevole.
Ma ricordo anche, con un utilizzo piu' moderato, delle foto nitide e brillanti con dei grigi ben definiti, che da questo parti direbbero crispy.
Ma erano, oltre che altri tempi, altri film.
Lo riesumo perche' "spero" di ottenere dei risultati che mi sarebbero utili per per la pratica Bromoil su cui sto operando attualmente.

Re: Kodalk

Inviato: 20/07/2019, 16:57
da chromemax
[quote="colonial"]Diego:
I prodotti chimici li compro da Bostik&Sullivan oppure da Photographer Formulary quando mi trovo in Messico, anche se di recente sono diventati difficili da ricevere con spese di spedizione alle stelle e da Fotomatica ed altri quando soggiorno in Italia;
Suppongo che i prodotti siano di buona qualita' e ragionevolmente freschi; oppure no?
Quanto mi dici metterebbe una seria ipoteca sul fai da te dei reagenti fotografici;
/quote]
PF vende il metaborato di sodio :D
Il fai da te dei reagenti è aleatorio di suo, non credo che della soda caustica che sta lì da 2 anni sia la stessa di quando è stata appena comprata, idem per altri reagenti, vanno presi in piccole quantità e spesso e, col costo delle spese dispedizione, fare gli sviluppi da se non conviene sotto ogni punto dfi vista tranne il fatto di provare qualche formula strana. Diverso, per me, per gli sviluppi carta, lì si sviluppa a "occhio" ed è più facile gestire la variabilità.