mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
dannyvec75
fotografo
Messaggi: 44
Iscritto il: 22/02/2017, 21:26
Reputation:

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda dannyvec75 » 23/03/2017, 10:39

Domanda da ignorante: quando stampate e fate le mascherature e bruciature, il diaframma dell'obiettivo lo tenete tutto chiuso? Perché leggo di tempi di esposizione abbastanza lunghi, mentre nelle mie prime stampe finora al massimo 10 secondi ho usato , quindi senza tempo per fare queste cose



Advertisement
Avatar utente
emigrante
guru
Messaggi: 1235
Iscritto il: 26/11/2012, 21:39
Reputation:
Località: Abruzzo

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda emigrante » 23/03/2017, 11:07

Per aumentare i tempi di esposizione puoi usare tre metodi:
-chiudere di più il diaframma
-mettere un filtro nd nell'ingranditore (ci sono dei filtri nd in fogli che costano pochissimo)
-mettere una lampada più piccola nell'ingrtanditore (interso come watt non come dimensione)

Tutto questo ovviamente a parità di dimensione della stampa ovvimaente.

Ciao
Marco



Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2078
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda ammazzafotoni » 23/03/2017, 11:19

dannyvec75 ha scritto:Domanda da ignorante: quando stampate e fate le mascherature e bruciature, il diaframma dell'obiettivo lo tenete tutto chiuso? Perché leggo di tempi di esposizione abbastanza lunghi, mentre nelle mie prime stampe finora al massimo 10 secondi ho usato , quindi senza tempo per fare queste cose


Ciao
Interventi successivi a parte, con quale sistema stampi (potenza della lampada, filtri, obbiettivi, diaframma)? In che formato (distanza della testa dal piano)? Su quali carte? [Quali negativi...?]



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5081
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda -Sandro- » 23/03/2017, 12:11

In questi casi usare una focale di stampa maggiore, che ugualmente copra il formato, permette di ottenere due risultati contemporaneamente: alzi la colonna in modo da poter operare sotto più agevolmente, ed abbatti la luce sul piano di stampa aumentandone i tempi. Nel mio caso ad esempio stampare il 135 su 24x30 mi porta la colonna a 28 cm dal piano, al buio è facile picchiarci la testa contro, ma usando l'80mm la colonna sale a 58 cm e perdo un diaframma e mezzo di luce. Le altre considerazioni sono secondarie, è chiaro che se produci negativi leggeri tribolerai, e l'esperienza ti insegnerà a produrli della giusta densità, per non patire POI le pene dell'inferno in stampa.



Advertisement
Avatar utente
dannyvec75
fotografo
Messaggi: 44
Iscritto il: 22/02/2017, 21:26
Reputation:

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda dannyvec75 » 23/03/2017, 13:21

ammazzafotoni ha scritto:
dannyvec75 ha scritto:Domanda da ignorante: quando stampate e fate le mascherature e bruciature, il diaframma dell'obiettivo lo tenete tutto chiuso? Perché leggo di tempi di esposizione abbastanza lunghi, mentre nelle mie prime stampe finora al massimo 10 secondi ho usato , quindi senza tempo per fare queste cose


Ciao
Interventi successivi a parte, con quale sistema stampi (potenza della lampada, filtri, obbiettivi, diaframma)? In che formato (distanza della testa dal piano)? Su quali carte? [Quali negativi...?]


La lampada onestamente non te lo so dire perché non ci ho guardato, i filtri sono Foma e al momento sto usando due magenta m1 insieme, l'obiettivo è quello che era con l'ingranditore un componon 50 , e per avere 10sec il diaframma è a f8 . La carta è 24*30 ilford mgiv perla, la testa sarà a una 50ina di cm dal piano per avere una stampa di circa 27*18 , negativo ilford 125 iso fp4



Avatar utente
dannyvec75
fotografo
Messaggi: 44
Iscritto il: 22/02/2017, 21:26
Reputation:

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda dannyvec75 » 23/03/2017, 13:24

Ribadisco che sono alle prime stampe , quindi non ho ancora bene il controllo sulla stampa , però mi piacerebbe arrivare anche a fare di questi interventi , quindi cerco di carpire quante più informazioni possibili, visto che dalle mie parti di corsi per camera oscura non ce ne sono , sto facendo tutto da autodidatta



Avatar utente
popecide
guru
Messaggi: 360
Iscritto il: 16/09/2014, 11:54
Reputation:
Località: Padova

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda popecide » 23/03/2017, 14:01

Istruttivo anche questo intervento. Da collegare direttamente a quanto scritto in un recente altro post:
http://www.analogica.it/distanza-testa-ingranditore-ed-esposizione-t14890-20.html.
Seguendo l'esempio:
-Sandro- ha scritto:stampare il 135 su 24x30 mi porta la colonna a 28 cm dal piano, al buio è facile picchiarci la testa contro, ma usando l'80mm la colonna sale a 58 cm e perdo un diaframma e mezzo di luce.

se la distanza più che raddoppia qual'è l'altra variabile che interviene e non ti fa perdere 2 ma solo 1,5 stop? Tempo o luminosità dell'obiettivo?
Grazie.


Wendy, I'm home! (Jack Torrance)

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5081
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda -Sandro- » 23/03/2017, 17:37

I diaframmi sono entità ritenute "ideali", ma nella pratica soffrono di errori che non permettono un comportamento ideale. Evidentemente il diaframma impostato f/8 dei due obiettivi usati non fa passare la stessa luce come dovrebbe.
Togliendomi lo sfizio di fare qualche misura ho scoperto, che in molti obiettivi passando da un diaframma all'altro vi è un errore di un terzo di stop molto spesso, e in qualcuno anche di due terzi di stop. Insomma sono ordigni su cui sarebbe bene non giurare nulla. Ecco perché quando alzo la colonna lascio perdere le formulette e faccio una misura, faccio prima e non spreco carta.



Avatar utente
algoritmo
appassionato
Messaggi: 9
Iscritto il: 22/10/2017, 18:09
Reputation:
Località: Bolzano (Bz)

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda algoritmo » 05/11/2017, 9:57

Un saluto a tutti,
volevo ringraziare tutti per questa discussione, stampo b/n da qualche tempo ma la sola lettura di tutto questo mi ha chiarito un monte di dubbi e aperto un mondo. Ancora grazie.



Avatar utente
SweetCake84
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 09/02/2018, 8:52
Reputation:

Re: mascherature e bruciature... come-quando-perchè

Messaggioda SweetCake84 » 14/09/2018, 13:22

Ciao a tutti,

riapro questo argomento dopo un po' di tempo.

Prima di tutto vorrei elogiare @
Avatar utente
Silverprint
per la sua conoscenza in materia e ringraziarlo per i preziosi consigli (lecchino vero!).
A tal proposito, visto che qualche altro San Tommaso in questo thread, oltre a me, non riusciva a capire bene come procedere con le mascherature e le bruciature, consiglio di andare a vedere la lezione di fotografia notturna che ha caricato su youtube (consiglio la completa visione, ma nella seconda metà del video fa vedere esplicitamente come bruciare le luci puntiformi).

A questo punto chiedo un consiglio:
Nel thread si è parlato di situazione ad alto contrasto con un orizzonte piatto (cielo su mare), io vorrei provare a bruciare il cielo su di uno skyline o su un profilo più irregolare della linea che crea il mare calmo. Ci sono delle tecniche precise per farlo? Avete consigli su come procedere?

Grazie in anticipo a chiunque risponderà :D





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti