Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Alessandro_Roma
guru
Messaggi: 419
Iscritto il: 06/03/2017, 12:08
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Alessandro_Roma » 11/10/2018, 0:01

Silverprint ha scritto:Si fanno le prove... :)
Prove che però passano necessariamente per la stampa, giusto?
Vabbè, da domani gioco a scacchi

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk



Advertisement
Avatar utente
Alessandro_Roma
guru
Messaggi: 419
Iscritto il: 06/03/2017, 12:08
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Alessandro_Roma » 11/10/2018, 0:02

Il problema è che io faccio stampare, quindi non ho il controllo su questa ultima fase
Pensate che gli scacchi siano noiosi?

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 757
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Ri.Co. » 11/10/2018, 9:47

Indubbiamente noiosi...!



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11316
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 11/10/2018, 13:38

Alessandro_Roma ha scritto:Prove che però passano necessariamente per la stampa, giusto?


Giusto. Quindi, se non stampi, non puoi ottimizzare il negativo come vorresti.

La domanda da farsi è quindi un'altra e cioè cosa posso fare per migliorare i negativi e le stampe (che non faccio)?

Una prima risposta è quella di trovare un bravo artigiano che sia anche disponibile col quale creare insieme il tuo stile nel BN.
È una strada lunga e faticosa, sia perché gli artigiani bravi e disponibili sono pochi, sia perché dovrai pagare il loro tempo, e non solo stampe "standard", ma sopratutto perché se non hai mai stampato tu e non hai le idee chiare NON sarai neanche in grado di giudicare la qualità del lavoro svolto da altri.
Una seconda possibilità è quella di fare dei corsi in posti dove tu possa anche stampare; dedicando del tempo alla stampa ti si chiarirebbero le idee e saresti meglio in condizione di collaborare con uno stampatore.

Cosa rischi se rimani nella tua condizione attuale?

Oltre a rinunciare al controllo, rinunci alla possibilità di esprimerti pienamente sarai inoltre portato ad auto-limitarti a scattare solo in quelle condizioni che finora ti hanno dato risultati non troppo deludenti.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
Alessandro_Roma
guru
Messaggi: 419
Iscritto il: 06/03/2017, 12:08
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Alessandro_Roma » 11/10/2018, 17:40

Silverprint ha scritto:
Alessandro_Roma ha scritto:Prove che però passano necessariamente per la stampa, giusto?


Giusto. Quindi, se non stampi, non puoi ottimizzare il negativo come vorresti.

La domanda da farsi è quindi un'altra e cioè cosa posso fare per migliorare i negativi e le stampe (che non faccio)?

Una prima risposta è quella di trovare un bravo artigiano che sia anche disponibile col quale creare insieme il tuo stile nel BN.
È una strada lunga e faticosa, sia perché gli artigiani bravi e disponibili sono pochi, sia perché dovrai pagare il loro tempo, e non solo stampe "standard", ma sopratutto perché se non hai mai stampato tu e non hai le idee chiare NON sarai neanche in grado di giudicare la qualità del lavoro svolto da altri.
Una seconda possibilità è quella di fare dei corsi in posti dove tu possa anche stampare; dedicando del tempo alla stampa ti si chiarirebbero le idee e saresti meglio in condizione di collaborare con uno stampatore.

Cosa rischi se rimani nella tua condizione attuale?

Oltre a rinunciare al controllo, rinunci alla possibilità di esprimerti pienamente sarai inoltre portato ad auto-limitarti a scattare solo in quelle condizioni che finora ti hanno dato risultati non troppo deludenti.
Beh da qualche anno sono cliente di un laboratorio che stampa a mano, quello artigianale che intendevi tu.
Risultati? Beh sì, indubbiamente abbiamo ottenuto un'intesa, forse è poco evolvibile a questo punto
Sullo stampare io o fare corsi, sono cose che avrei tanto voluto fare, ma tra figli, lavoro e, perché no, costi, ahimè la congiunzione astrale ancora non c'è stata

Sicuramente so di non poter esprimere tutto il potenziale, ma è anche vero che la fotografia per me è un gioco, una passione e non il lavoro, quindi spero che cerco principalmente, nella mia realtà di mezza sega, è il divertimento.
Continuerò ovviamente a leggere il topic, perché è comunque interessante e magari qualche piccola cosa riuscirò comunque a metterla in uso (forse)

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Alessandro_Roma
guru
Messaggi: 419
Iscritto il: 06/03/2017, 12:08
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Alessandro_Roma » 11/10/2018, 17:42

Maledetto correttore... C'è un errore nel post precedente, non "quello che spero", ma "quello che cerco"

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Valerio81
fotografo
Messaggi: 60
Iscritto il: 28/01/2017, 17:33
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Valerio81 » 11/10/2018, 19:38

Silverprint ha scritto:In pratica se scegli bene l'accoppiata pellicola rivelatore puoi avere un sistema abbastanza tollerante e ridurre la necessità di variazioni di sviluppo al minimo. La differenza, per es. tra HC-110 (tolleranza zero) e D-76 (tolleranza alta) è enorme.


Questo non mi è chiaro: la tolleranza è riferita alla possibilità di allungare o accorciare in maniera piu o meno controllabile lo sviluppo al variare del tempo? Cioè hc110 non è tollerante perché se sviluppo normalmente con 6 minuti se fscessi 6:30 otterrei un contrasto eccessivamente alto? Col d76 invece lo stesso incremento di tempo genera un incremento di contrasto minore? Oppure intendi altro?



Avatar utente
emmeffepi
guru
Messaggi: 632
Iscritto il: 06/04/2015, 12:39
Reputation:
Località: GE/HK/SIN

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda emmeffepi » 12/10/2018, 10:12

Piu' alta l'energia del rivelatore, minore la tolleranza alle variazioni di tempo


Massimiliano

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11316
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 12/10/2018, 11:08

@
Avatar utente
Valerio81


Oltre a quanto detto da effemmepi va considerato l'inviluppo della curva caratteristica, ovvero il maggiore o minore effetto di compensazione.

L'HC 110 tende a produrre curve "impennate", ovvero densità molto più elevate ai livelli maggiori di esposizione rispetto a quelle sui toni medi e bassi, rispetto ad un rivelatore meno energico e maggiormente compensatore come il D76.
Questo produce negativi notevolmente diversi. Un rullo scattato in condizione miste e sviluppato in HC-110 sarà molto più difficile da stampare perché ogni variazione di contrasto della scena produrrà notevoli variazioni delle densità dei toni più chiari che andranno compensate in fase di stampa con maggiori variazioni di contrasto, mascherature e bruciature.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Valerio81
fotografo
Messaggi: 60
Iscritto il: 28/01/2017, 17:33
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Valerio81 » 12/10/2018, 13:45

Ora é chiaro, grazie.
Questa caratteristica dell'hc110 può andare a compensare la parte dei toni alti afflosciata caratteristica di alcune pellicole? Intendo qualitativamente parlando, salvo poi verificare con delle prove.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti