Tecnica per la fotografia notturna

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
SamueleB
fotografo
Messaggi: 83
Iscritto il: 15/07/2016, 11:42
Reputation:

Re: Tecnica per la fotografia notturna

Messaggioda SamueleB » 14/06/2018, 9:24

@
Avatar utente
Kid Claude


Se trovi qualche cosa mi interessa ma tieni conto del link che mi ha dato Kiodo.

Se ti interessa particolarmente la fotografia notturna voglio consigliarti il libro (solo immagini) Venetia Obscura. di Luca Campigotto. È fantastico e stampato in modo così superbo da non sfigurare rispetto alla sua mostra. Anni fa mi feci un viaggio di un migliaio di km per andarla a vedere ma ne valeva assolutamente la pena.

Credo che le riprese siano state fatte in 4x5” con una folding Linhof. Per quanto abbia cercato a suo tempo non sono riuscito a sapere quale pellicola sia stata usata e soprattutto quale tipo/tecnica di sviluppo, anche se osservando la conduzione delle alte luci propenderei per l’impego di un bagno tannante.



Advertisement
Avatar utente
Kid Claude
fotografo
Messaggi: 38
Iscritto il: 12/11/2015, 7:21
Reputation:

Re: Tecnica per la fotografia notturna

Messaggioda Kid Claude » 14/06/2018, 15:49

SamueleB ha scritto:@Kid Claude

Se trovi qualche cosa mi interessa ma tieni conto del link che mi ha dato Kiodo.

Se ti interessa particolarmente la fotografia notturna voglio consigliarti il libro (solo immagini) Venetia Obscura. di Luca Campigotto. È fantastico e stampato in modo così superbo da non sfigurare rispetto alla sua mostra. Anni fa mi feci un viaggio di un migliaio di km per andarla a vedere ma ne valeva assolutamente la pena.

Credo che le riprese siano state fatte in 4x5” con una folding Linhof. Per quanto abbia cercato a suo tempo non sono riuscito a sapere quale pellicola sia stata usata e soprattutto quale tipo/tecnica di sviluppo, anche se osservando la conduzione delle alte luci propenderei per l’impego di un bagno tannante.

Grazie, ma da veneziano DOC, ho la fortuna di conoscere il lavoro di Luca Campigotto, di cui sono un estimatore.
Avevo ritrovato nei miei appunti il link segnalato da Kiodo, e stavo giusto per girartelo, ma lui mi ha preceduto. Meglio così !
Ciao e buona luce !
Marco





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti