CHIARIMENTI su MAMIYA serie C...

Discussioni sugli accessori per il medio formato

Moderatore: isos1977

Avatar utente
tonyrigo
esperto
Messaggi: 150
Iscritto il: 24/04/2017, 12:43
Reputation:

CHIARIMENTI su MAMIYA serie C...

Messaggioda tonyrigo » 05/08/2018, 21:20

Buongiorno a tutti Voi.

Chiedo ai più esperti del marchio quali sono le differenze tra le varie sigle delle serie C.

Io 50 anni fa ho avuto modo di usarne una (chissà quale) di queste con le ottiche intercambiabili e, da buon collezionista, ci stavo facendo un pensierino ad acquistare un corpo con più lenti.

Ma mentre - mi pare - le lenti siano compatibili con tutti i corpi, non ho capito, pur cercando un pò in rete la differenza tra i vari corpi:

- C33;
- C220;
- C330;
- C330S,
- ecc.

Grazie fin d'ora chi mi saprà dare una mano.

Tony



Advertisement
Avatar utente
massimof
fotografo
Messaggi: 90
Iscritto il: 20/02/2012, 14:03
Reputation:

Re: CHIARIMENTI su MAMIYA serie C...

Messaggioda massimof » 05/08/2018, 23:11

Per quanto ne so io, senza entrare nella lista di tecnicismi migliorativi che venivano aggiunti ad ogni modello, partendo dalla C33, che è già una buona macchina, a salire, miglioravano le prestazioni tipo il peso e altre cose, informazioni che puoi trovare facilmente in rete.
Io ho la C220 che poteva caricare pellicole sia 120 che 220 e fino ad essa l'avanzamento della pellicola non riarmava l'otturarore, cosa che è stata introdotta dalla C330 in poi.
Quindi, riassumendo, dalla C33 in poi vanno tutte bene, secondo il mio parere.



Avatar utente
tonyrigo
esperto
Messaggi: 150
Iscritto il: 24/04/2017, 12:43
Reputation:

Re: CHIARIMENTI su MAMIYA serie C...

Messaggioda tonyrigo » 06/08/2018, 11:01

Grazie mille!



Avatar utente
Zorki-4
fotografo
Messaggi: 42
Iscritto il: 01/12/2015, 17:37
Reputation:

Re: CHIARIMENTI su MAMIYA serie C...

Messaggioda Zorki-4 » 07/08/2018, 23:34

Allora, il primo apparecchio nasce come Mamiyaflex Professional C, può usare solo pellicole 120, ha la ricarica dell'otturatore da eseguire manualmente, avanzamento pellicola a pomello e lo schermo di messa a fuoco fisso. Stessa storia per la Mamiya C2 che ha in più solo un secondo pomello di messa a fuoco. La C3 ha invece finalmente la ricarica automatica dell'otturatore e l' avanzamento pellicola a manovella. Praticamente uguale la C33, mentre da questo periodo la C22 e gli altri apparecchi con il 22 nel nome restano con ricarica otturatore separata manuale e pomello di avanzamento come la C220 che è quasi uguale. Esistono molte C22 e C33 modificate after-market dalla Mamiya stessa per l'uso del rullo 220 con due dorsi diversi, uno per il 120 ed uno per il 220, in caso di acquisto usato controllare quale dorso è montato anche perchè... ...praticamente altri non se ne trovano! Con la C330 (come la C220) l' apparecchio è predisposto all'uso di entrambe i rulli senza bisogno di accessori, lo schemo di messa a fuoco diventa intercambiabile e nel mirino appare l'indicatore di correzione della parallasse e compensazione esposizione. Con la C330F arriva la levetta di bloccaggio della messa a fuoco, il blocco del pulsante di scatto ed il mirino a pozzetto Type 2 (migliore del precedente Type 1). La C220F ha una manovella pieghevole sul pomello di avanzamento, per il resto è identica alla C220 precedente. Ultima in ordine cronologico è la Mamiya C330 Professional S che è una versione alleggerita della C330F, nuovi schermi di messa a fuoco in resina incompatibili con i precedenti ed alleggerimento della struttura del corpo macchina. Questo per quanto riguarda i corpi, per quanto riguarda le ottiche ci sono 3 serie: la prima con corpi ottica cromati ed otturatore centrale Seikosha-MX con tempi da 1"/400 ad 1" + B ma con scala non lineare, questi non possono essere montati sugli apparecchi con ricarica automatica otturatore. La seconda serie, sempre cromata, monta otturatori Seikosha-S con tempi da 1"/500 ad 1" + B e scala lineare, questi, pur con ricarica manuale dell' otturatore possono essere montati su tutti gli apparecchi tranne alcuni dei primi Mamiya-Sekor 180mm f/4.5 prodotti. La terza serie, con carcassa obbiettivo nera, monta otturatori Seiko SLV con gli stessi tempi e può essere montata su tutti gli apparecchi con ricarica automatica su quelli predisposti. Resta il mito del cosiddetto blue-dot, ovvero un dischetto di plastica blu posto anteriormente alla levetta di ricarica manuale dell'otturatore, tutti gli obbiettivi neri in origine avevano il blue-dot, solo che molti si sono staccati. Non esistono due serie separate di cui quella col blue-dot era la migliore come ho letto da parecchie parti !
Altrimenti il mio Mamiya-Sekor 180mm f/4.5 non è un Super! Perchè quando l'ho comprato usato non c'era il blue-dot e super... ...lo è davvero!

Mamiya C330 Professional F
Mamiya Sekor 55mm f/4.5
Mamiya Sekor 80mm f/2.8
Mamiya Sekor Super 180mm f/4.5
Porrofinder CdS

Se vuoi sapere altro chiedi pure, altrimenti se te la cavi bene con l'inglese: http://www.gapatterson.org la bibbia delle biottiche Mamiya !
:)


Scatta in digitale solo chi non ha mai visto una dia proiettata, specie 6x6 (Rollei P11) B-)

Avatar utente
tonyrigo
esperto
Messaggi: 150
Iscritto il: 24/04/2017, 12:43
Reputation:

Re: CHIARIMENTI su MAMIYA serie C...

Messaggioda tonyrigo » 13/08/2018, 7:46

Grazie mille!

Preciso e completo e grazie del LINK, finalmente ho capito.

Cordiali saluti.


Tony Rigo





  • Advertisement

Torna a “Medio formato”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite