Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Discussioni sui chimici puri e formule di preparazione delle soluzioni di sviluppo/arresto/fissaggio ed altro.

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Esus9
appassionato
Messaggi: 8
Iscritto il: 01/08/2018, 14:23
Reputation:

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da Esus9 »

Ciao a tutti, posso confermare anche io lo scarso funzionamento del sistema vacuvin per la conservazione dei chimici. A dirla tutta anche con il vino non è che faccia miracoli, conserva una bottiglia aperta per qualche giorno in più ma va comunque tenuta in frigo. In buona sostanza rallenta l'ossidazione ma non la blocca, non conoscevo il sistema del gas, proverò.



Avatar utente
.ila.
esperto
Messaggi: 278
Iscritto il: 13/02/2020, 15:33
Reputation:
Località: Emilia

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da .ila. »

Butano e Propano non sono propriamente inerti, sono composti organici; altresì facilmente infiammabili essendo degli idrocarburi.
La chimica non è un'opinione, ergo mi sembra una pratica un po' troppo smanettona/trickettara considerando che di alternative sicure e migliori ce ne sono varie. La più semplice da reperire senonché sicura: con 15/20 euro si trovano facilmente bombole da litro a perdere di Argon 100% (usate per la saldatura MIG e TIG). Non tossico, non pericoloso, non infiammabile, più pesante dell'aria, realmente inerte.
“quando ci penso vorrei tornare
dalla mia bella al casolare
Emilia mia Emilia in fiore
tu sei la stella tu sei l’amore”

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da graic »

Ho visto le bombolette di cui parli, mi sembra una cosa interessante, solo che dovresti chiarire un dubbio a quanto si vede dalle foto hanno uno strano attacco filettato occorre un qualche strumento per spillarre il gas. Quale? Oppure esistono con semplici valvole a molla come le bombolette di butano? a tale proposito quando si usa quest'ultimo non si sostiene che è un gas inerte ma solo che non da luogo a raziono indesiderate con i chimici del laboratorio, e, ancora, circa la pericolosità, ricordo che vi sono miliardi di persone che usano quelle bombolette per i loro accendini e non mi risultano incendi disastrosi causati da queste.
Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 493
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da 28zero »

Normalmente, per le bombole di gas da saldatura, serve un riduttore di pressione perché sono caricate tra i 100 e i 200 bar (circa). I riduttori più economici hanno solo un rubinetto e sono già stati alla pressione di utilizzo, quelli più costosi hanno due manometri (pressione interna e di utilizzo) e un regolatore di pressione. Per i nostri scopi ne basterebbe uno base a cui collegare un tubo in gomma.

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
.ila.
esperto
Messaggi: 278
Iscritto il: 13/02/2020, 15:33
Reputation:
Località: Emilia

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da .ila. »


graic ha scritto:Ho visto le bombolette di cui parli, mi sembra una cosa interessante, solo che dovresti chiarire un dubbio a quanto si vede dalle foto hanno uno strano attacco filettato occorre un qualche strumento per spillarre il gas. Quale? Oppure esistono con semplici valvole a molla come le bombolette di butano? a tale proposito quando si usa quest'ultimo non si sostiene che è un gas inerte ma solo che non da luogo a raziono indesiderate con i chimici del laboratorio, e, ancora, circa la pericolosità, ricordo che vi sono miliardi di persone che usano quelle bombolette per i loro accendini e non mi risultano incendi disastrosi causati da queste.
Sono semplici bombole con attacco piccolo che vanno spillate, per cui serve un riduttore che insieme ad una semplice valvola ti costano circa una trentina di euro di investimento iniziale.
Non serve nulla di complesso, non dobbiamo farne mica un uso di precisione: quando abbiamo un'uscita a bassa pressione ci basta e avanza.
Sinceramente una spesa iniziale che si può sostenere benissimo se paragonata al resto dei costi che sosteniamo regolarmente nell'analogico.

Ovvio che non si è mai sentito un disastro per ricarica da accendino, sono bombolette fatte apposta :)
Anche se usare butano per altri scopi non è che sia molto ortodosso: accendini e bombole di ricarica sono studiati per contenere butano in sicurezza, le nostre bottiglie no. Vero anche che non ho mai sentito di qualcuno che conserva chimici col butano aver fatto danni.

Il discorso è un altro: facciamo i precisini e spendiamo cifre notevoli su mille aspetti e poi facciamo i taccagni/arrangioni usando un idrocarburo preso al tabacchino per conservare i chimici? È un po' un controsenso visto che esistono prodotti di facile reperibilità e modesto costo che ci permettono di metterci al pari anche nella conservazione.

L'Argon in bombole a perdere lo uso per saldare, poi avendolo a disposizione la curiosità, si sa, è una brutta bestia sempre in agguato... e da li a rabboccare i chimici è risultata una operazione che più semplice di così non esiste.

Inviato dal mio ZX80 con Tapatalk

“quando ci penso vorrei tornare
dalla mia bella al casolare
Emilia mia Emilia in fiore
tu sei la stella tu sei l’amore”

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9965
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da chromemax »

.ila. ha scritto:
02/07/2020, 6:32
Butano e Propano non sono propriamente inerti, sono composti organici; altresì facilmente infiammabili essendo degli idrocarburi.
La chimica non è un'opinione, ergo mi sembra una pratica un po' troppo smanettona/trickettara considerando che di alternative sicure e migliori ce ne sono varie. La più semplice da reperire senonché sicura: con 15/20 euro si trovano facilmente bombole da litro a perdere di Argon 100% (usate per la saldatura MIG e TIG). Non tossico, non pericoloso, non infiammabile, più pesante dell'aria, realmente inerte.
Forse le ditte chimiche di fotografia hanno opinione della "chimica" tutta loro :D

Protectan della Tetenal
Protectan della Tetenal
Gas ricarica accendini
Gas ricarica accendini

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 6020
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da -Sandro- »

L'idea del gas per accendini è mia, e ne rivendico la paternità sine die; mi venne, credo, una dozzina di anni orsono. Ancora non ero iscritto ad analogica ma frequentavo un gruppo su flickr, che allora era gagliardo, ma oggi è praticamente morto, vittima di "pesaliquidismo".
Mi venne l'idea leggendo proprio la scheda tecnica del protectan. Ora sono una dozzina di anni che uso regolarmente il gas per accendini, ottenendo l'allungamento della conservazione anche considerevole (ad esempio un anno il tetenal E6 aperto contro le 4 settimane dichiarate). Non sono arso vivo, non ho inquinato i miei prodotti, ho speso pochissimo, ma ora so anche che devo considerarmi "smanettone/trickettaro". Che montagna di belinate.
Il mio compianto professore di meccanica razionale, a proposito di coloro che imbastivano impianti di calcolo spropositati per risolvere un problema banale, magari per dare sfoggio di sapienza nell'analisi matematica, diceva sempre: "non si deve ammazzare la mosca col cannone, è spratico ed inefficace".

Avatar utente
Marco Leoncino II°
guru
Messaggi: 644
Iscritto il: 04/01/2016, 16:17
Reputation:
Contatta:

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da Marco Leoncino II° »

Chissa´ se a seguito di questa discussione qualcuno proporra´ di misurare il peso del gas con bilancina cinese, invece del suo volume.

Avatar utente
.ila.
esperto
Messaggi: 278
Iscritto il: 13/02/2020, 15:33
Reputation:
Località: Emilia

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da .ila. »

Cromemax, non me ne volere ma per amore della precisione io vedo la scheda del Protectan Spray in Tetenal, non della bombolette del tabaccaio per tutti gli sviluppi.
Converrai con me che:
1) Nella bomboletta del tabaccaio non ci sono solo butano, propano o loro isotopi ma una miscela a base di essi che ne garantisce una facile combustione.
2) Non esiste solo il Tetenal in commercio, ma un sacco di molecole.

In problema non è l'infiammabilità del butano/propano ma degli elementi molto reattivi che li compongono: col Tetenal non avranno reazioni, con altre molecole diventa un prenderci.
Insomma, rasentiamo il piccolo chimico.

Inviato dal mio ZX80 con Tapatalk

“quando ci penso vorrei tornare
dalla mia bella al casolare
Emilia mia Emilia in fiore
tu sei la stella tu sei l’amore”

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 5038
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Bottiglie pressurizzate per conservare i chimici

Messaggio da graic »

Esempi? Delle reazioni dico.
Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Bloccato