Scelta Tema di un progetto fotografico

Discussioni sull'etica e sulla filosofia applicata alla fotografia

Moderatore: etrusco

Avatar utente
torla91
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 20/08/2012, 14:21
Reputation:

Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda torla91 » 10/09/2012, 23:20

Salve a tutti, spero di non farmi fraintendere con questa domanda.
Io ho la passione della fotografia già da qualche anno, ho iniziato col digitale e poi sono passato all analogico, ho la mia camera oscura e ogni tanto sviluppo e stampo.
Mi diverto a fotografare qualsiasi genere, dai ritratti ai paesaggi e purtroppo non ho uno stile preciso di fotografia da raccontare.
Ultimamente mi trovo in una fase in cui non so verso quale genere focalizzarmi per realizzare un primo e ben fatto progetto fotografico.
Non so se stare sui panorami, ritratti o cose simili. Diciamo che cerco sempre di usare tecniche nuove o particolari (ad es in digitale startrail).
Chiedo quindi a voi qualche consiglio su come scegliere un tema da seguire per sviluppare e affinare la mia "percezione" fotografica, sarebbe bello trovare un tema che mi permetta di includere varie tecniche e soggetti in modo da potermi esprimere al meglio!

Tanti saluti, andrea.
:-h



Advertisement
Avatar utente
mjrndr
guru
Messaggi: 1261
Iscritto il: 21/06/2012, 10:19
Reputation:
Località: Bergamo

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda mjrndr » 10/09/2012, 23:30

Eh... Bella domanda!
Anch'io sto cercando di evolvermi...
Io sto provando a fare dei piccoli reportage sul cimitero monumentale e sui navigli di Milano.
Per me la fotografia è un modo di immortalare i posti che vedo nel modo in cui io li vedo, e spesso questo si intreccia con la mia passione per la storia.

Sto provando insomma a scegliere il tema delle mie fotografie da cose che mi interessano ma che non hanno a che fare con la fotografia. Per questo credo che scegliere un tema come "i paesaggi" o altri generi fotografici possa essere un poco sterile.
My two cents


Andrea



Avatar utente
torla91
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 20/08/2012, 14:21
Reputation:

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda torla91 » 10/09/2012, 23:47

infatti volevo "sviluppare" la mia capicità di cambiare punto di vista, trovare dettagli nei dettagli ecc ecc... oggi sono tutti capaci di fare le foto ai gatti e alle balle di fieno.
per uscire dalla massa bisogna trovare qualcosa di alternativo...



Avatar utente
mjrndr
guru
Messaggi: 1261
Iscritto il: 21/06/2012, 10:19
Reputation:
Località: Bergamo

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda mjrndr » 11/09/2012, 0:48

Credo che l'importante sia cominciare. Tanto vale scegliere un progetto semplice e realizzabile per cominciare a ragionare in quell'ottica e poi,se ci viene un idea migliore in corso d'opera tanto meglio.
Pensa a una cosa che ti interessa e che puoi fotografare abbastanza spesso e facilmente e comincia da lì.
Questo perlomeno è quello che sto cercando di fare io.


Andrea



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11307
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda Silverprint » 11/09/2012, 1:07

Ciao!

Pensare di affrontare un "progetto" è un momento di crescita importante.
È anche un momento delicato per il fotografo; un momento in cui ha bisogno degli altri. Suggerimenti sbagliati, se non fanno danno, fanno sicuramente perdere un sacco di tempo.
L'inizio d'un progetto, o l'esigenza di farlo sono momenti a cui ho imparato, negli anni d'insegnamento, ad accostarmi facendo il massimo sforzo di modestia ed apertura mentale.

Cos'è un progetto fotografico? Tutto e niente... sono solo immagini che devono avere una qualsiasi ragione per essere viste insieme. Una ragione qualsiasi ci tengo a ripeterlo.
A seguire ci ragiono-sragiono un po' su...

Cosa caratterizza un progetto fotografico? Un certo modo di vedere le cose, uno "stile" fotografico? Si e no. Uno "stile non è sufficiente, né necessario per identificare un progetto.
Basti pensare ad un progetto dove sia forte l'elemento narrativo... basterebbe questo a renderlo "progetto" anche in presenza di stili diversi; gli "stili" sarebbero asserviti alla superiore necesità della narrazione. Uno stile forse può definire un "autore", o per lo meno contribuire alla sua identificabilità, ma un progetto potrebbe avere vari "stili". Però è anche vero che possiamo immaginare un progetto dove lo "stile" sia l'unica caratteristica unificante...

E allora serve necessariamente una qualche forma di narrazione? Una forma di narrazione può definire un progetto, ma non mi pare che sia necessaria e neanche sufficiente. Una categoria di oggetti, soggetti, potrebbe rappresentare un progetto, anche senza una forma di narrazione (una seguenza dove non sia importante l'ordine delle immagini). E allora serve una categoria di oggetti-soggetti? Di nuovo si e no. Può definire un progetto, ma non è necessaria, né sufficiente....

Etc, etc, etc.


E allora ti racconto come ho iniziato il mio primo progetto...
Partì "casualmente" dalla riorganizzazione dell'archivio! Da li presi delle immagini che solo poco tempo prima avrei scartato e a partire da esse cominciai. E presi anche una decisione radicale...

Studiavo architettura e facevo fotografie profesionali di architettura, ma litigavo sempre un po' con gli architetti. Riguardando l'archivio scoprii anche che sotto l'influenza di quegli studi e quel lavoro non avevo prestato attenzione a tutta una serie di immagini, che pure avevo scattato, e che con gli architetti litigavo perche a me piacevano (finalmente lo ammettevo a me stesso!) immagini che raccontavano lo spazio e il tempo, le distanze; immagini che erano tutto il contrario di quelle che piacevano agli architetti. Gli architetti amavano troppo i disegni: pianta, prospetto sezione, poche viste in rigorosa prospettiva monoculare. Anche quelli più all'avanguardia che magari progettavano a partire dai modellini e dalla modellazione 3-D ed ammiravano le rappresentazioni di Zaha Hadid erano troppo affezionati alle fotografie classiche. Il massimo della vita era qualche foto sbilenca alla Rodchenko (primi del secolo scorso!). Frustrante.
E quindi dopo la riscoperta dell'archivio mi ribellai fotograficamente. Cominciai un progetto che ho seguito per sette anni girovagando per le metropoli europee facendo il "contario" delle foto di architettura. Le ho chiamate "domande sul senso dello spazio". Sono foto irrisolte. Un po' irritanti. Le adoro... A seguire ho lasciato la facoltá ovviamente, mi piaceva troppo di più fare il fotografo! :))
Tra le cose irrisolte (irrisolto a me va bene) ce ne era una antipatica però: la gerarchia inerente la prospettiva monoculare che raccontava lo spazio, ma toglieva il tempo. Io invece a Piero della Francesca ho sempre preferito Paolo Ucello! Ma questa è la storia dell'inizio di un altro progetto. :)

Per farla breve... comincia da ciò che hai fatto: ad un progetto servono delle fondamenta.
Riguardando ciò che hai fatto sii onesto con te stesso e non cedere ai giudizi altrui o accettare criteri estetici solo perché giá apprezzati: riscopri il tuo lavoro con occhi vergini.
Un progetto si fa per se stessi, fatto per altri (reali o immaginati) si chiama incarico professionale, non è la stessa cosa.


Ite, missa est! =))


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

luca_dega
superstar
Messaggi: 1506
Iscritto il: 17/11/2011, 13:34
Reputation:

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda luca_dega » 11/09/2012, 8:54

io sono più cinico ed aggiungo che se vuoi realizzare un progetto per "elevarti dalla massa", sbagli strada.
La vedo al contrario: quando trovi "il tuo stile", la tua strada" o chiamala come vuoi, allora decidi che magari ci vien fuori un progetto, non l'opposto. Se sei alla fase del fotografare i gatti e le balle di fieno [... :D ] allora forse è il caso che prima tu capisca chi sei e poi metterlo per iscritto, su carta baritata.
Questo non perché non credo nella forte spinta motivazionale dell'impostare un progetto, anche al fine di trovare la propria strada, ma perché sono altresì convinto che il rischio concreto sia invece la delusione e la demotivazione (a meno che non si sia persone che si accontentano facile ;;) ).
Perché ? A mio parere perché un lavoro su "qualcosa" vien fuori bello quando si crede in quel qualcosa. Se lo si fa perché si vuole fare un progetto per "elevarsi spiritualmente" e non essere il fotoamatore della domenica, senza avere idea su cosa farlo e chiederlo a gli altri, allora fai così: apri un'enciclopedia a caso e, ad occhi chiusi, mettici un dito sopra la pagina aperta. Ecco, ora puoi fare un progetto sulla cosa sulla quale è cascato il dito :))

...Ora che sono stato cinico, sdrammatizzo e razionalizzo: per il fatto che tu senta questa necessità e questa spinta motivazionale, mi vien da pensare che il tuo progetto lo troverai molto presto, senza bisogno di consigli altrui. L-)

ciao



Avatar utente
torla91
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 20/08/2012, 14:21
Reputation:

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda torla91 » 11/09/2012, 9:08

grazie silver! praticamente mi hai risposto...volevo proprio capire come arrivare a scegliere su cosa lavorare!!! mi hai aperto un po gli occhi e la mente!!! adesso non .mi resta che mettermi li e scavare dentro di me...grazie!!!



Avatar utente
torla91
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 20/08/2012, 14:21
Reputation:

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda torla91 » 11/09/2012, 9:10

ah...io un post come il tuo non sarei mai riuscito a scriverlo!



Avatar utente
krix
appassionato
Messaggi: 16
Iscritto il: 20/01/2018, 14:04
Reputation:

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda krix » 28/05/2018, 13:54

Silverprint ha scritto:Ciao!

Per farla breve... comincia da ciò che hai fatto: ad un progetto servono delle fondamenta.
Riguardando ciò che hai fatto sii onesto con te stesso e non cedere ai giudizi altrui o accettare criteri estetici solo perché giá apprezzati: riscopri il tuo lavoro con occhi vergini.
Un progetto si fa per se stessi, fatto per altri (reali o immaginati) si chiama incarico professionale, non è la stessa cosa.


Ite, missa est! =))


Da semplice fotoamatore che si vuole cimentare in un progetto fotografico ho trovato questo intervento molto interessante anche se datato.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11307
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Scelta Tema di un progetto fotografico

Messaggioda Silverprint » 28/05/2018, 15:06

Datato nel senso che l'ho scritto nel 2012, o che nel frattempo ci sono stati cambiamenti tali da rendere vetusta la mia posizione? :)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Etica e filosofia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti