Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Discussioni sui chimici puri e formule di preparazione delle soluzioni di sviluppo/arresto/fissaggio ed altro.

Moderatori: chromemax, Silverprint

Rispondi

Avatar utente
Marco Leoncino II°
guru
Messaggi: 698
Iscritto il: 04/01/2016, 16:17
Reputation:
Contatta:

Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Messaggio da Marco Leoncino II° »

Ho trovato anche io la busta di D76 ingiallit. Avendo un bilancia adatta ed uno stirrer magnetico con piano scaldato, ho pensato che sia venuto il momento di preparmi il D76 in casa. La formula e´ ben nota e se ne e´ parlato a lungo:

Water (125 deg. F) 750 ml
Metol (or "Elon") 2 gm
Sodium Sulfite, anhydrous 100 gm
Hydroquinone 5 gm
Borax, granular 2 gm
Cold water to make 1 liter

I chimici si sciolgono nell´ordine preciso in cui sono elencati. Non ho mai usato Metolo ed Idrochinone. Come si sciolgono? Uso mortaio e spruzzina per preparare un composto omogeneo da sciogliere poi in acqua? A parte questo accorgimento ci sono altre precauzioni da prendere?



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10102
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Messaggio da chromemax »

Si scioglie tutto senza troppi problemi, forse un po' ostico l'idrochinone ma con l'agitatore non è un problema, l'acqua può essere anche meno di 52°; personalmente peso il chimico successivo mentre si sta sciogliendo quello appena messo nell'acqua. Una cosa che si trova nei vecchi manuali è quella di sciogliere un pizzico di solfito prima del metolo; Il primo componente da sciogliere dovrebbe essere il solfito, che protegge dall'ossidazione tutti gli altri componenti chimici, ma il metolo si scioglie con difficoltà in soluzioni con pH basico per cui va messo per primo, il pizzico di solfito dovrebbe preservare il metolo senza alzare troppo il pH. Io lo faccio ma più che altro come atto rituale e scaramantico che per convinzione, infatti mi sa che sta cosa non serva a niente.
Altro consiglio è quello di usare acqua leggera altrimenti all'aggiunta del solfito si ha un intorbidimento che può essere nocivo (per la pellicola); in alternativa si può aggiungere 1g/l di EDTA tetra come chelante prima di ogni cosa.
Dai miei test il D-76 da formula è un po' meno attivo del D-76 e dell'ID-11 acquistati, quindi i tempi usati sono un buon punto di partenza ma non è escluso che si debbano fare dei ritocchi (la cosa può dipendere anche dal grado di purezza, dall'età e dall'idratazione dei prodotti chimici utilizzati); non è detto che per te sia lo stesso, è una cosa che devi testare coi tuoi materiali.
Considera anche che la formula non è tamponata e che quindi varia col passare del tempo, per cui il mio consiglio è quello di preparare il quantitativo che serve e usarla tutta il prima possibile (consigliabile aspettare 24h dalla preparazione, ma non obbligatorio ;) ) in one shot.

Avatar utente
Marco Leoncino II°
guru
Messaggi: 698
Iscritto il: 04/01/2016, 16:17
Reputation:
Contatta:

Re: Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Messaggio da Marco Leoncino II° »

Ciao Diego, grazie per la risposta. Avevo letto il consiglio di sciogliere un pó di sodio solfito prima del metolo, ma non capivo se era una pratica fondata. Grazie anche per avermi ricordato che non potrebbe dare gli stessi risultati del D76 della Kodak, bisognera´ fare dei test. La mia acqua del rubinetto e´ molto morbida, quindi non dovrebbe essere un problema. Non useró acqua distillata per evitare di spappolare la gelatina.

A proposito della purezza: Borace e Sodio solfito li ho gia´ in camera oscura, li avevo comprati sulla baia. Quindi non sono sicuro che siano puri a livelli tecnici. Andranno bene lo stesso? Per Metolo ed Idrochinone ho chiesto ad un negozio di chimica che conosco qui in Germania, nelle mie vicinanze, ed a Suvlatar (che ho trovato dalla pagina di Moersch).

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10102
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Messaggio da chromemax »

Marco Leoncino II° ha scritto:
05/10/2020, 14:04
La mia acqua del rubinetto e´ molto morbida, quindi non dovrebbe essere un problema. Non useró acqua distillata per evitare di spappolare la gelatina.
In realtà in questo caso l'acqua distillata non spappolerebbe niente dato che a soluzione finita il contenuto in sali sarebbe altissimo :))
Il vero problema dell'acqua demineralizzata è che di quella che si trova nei supermercati non c'è nessuna certezza e quella "seria" costa. L'eccessivo rigonfiamento della gelatina avviene se si usa acqua demineralizzata per il lavaggio o se si lascia in ammollo.
A proposito della purezza: Borace e Sodio solfito li ho gia´ in camera oscura, li avevo comprati sulla baia. Quindi non sono sicuro che siano puri a livelli tecnici. Andranno bene lo stesso? Per Metolo ed Idrochinone ho chiesto ad un negozio di chimica che conosco qui in Germania, nelle mie vicinanze, ed a Suvlatar (che ho trovato dalla pagina di Moersch).
In teoria il grado di purezza richiesto a livello fotografico è superiore a quello farmaceutico, ma attualmente ho dei dubbi che qualche produttore si faccia degli scrupoli a non usare un po' quello che trova, vista la situazione del mercato fotografico. A mio parere, ma non sono un esperto, un grado F.U. (Farmacopea Ufficiale) o equivalente (USP è quello americano) è già ottimo; per alcune cose, tipo l'acido citrico per l'arresto, anche il grado alimentare va più che bene. Il grado analitico per la stragrande maggioranza dei casi è inutilmente costoso (forse potrebbe avere un senso usarlo se facessi del platino/palladio, dove un risparmio di qualche decina di euro non avrebbe senso rispetto al rischio di buttare tutto). Il grado tecnico non è un valore riconosciuto per cui potrebbe esserci di tutto, anche se il solfito marcato "tecnico" usato finora non mi ha mai dato problemi, ma di queste cose in genere te ne accorgi dopo un po' di tempo...
Anche Bellini e Alexcolor vendono chimici sfusi che presumibilmente sono gli stessi che usano nei loro prodotti per cui dovrebbero essere"testati" :)

Avatar utente
Marco Leoncino II°
guru
Messaggi: 698
Iscritto il: 04/01/2016, 16:17
Reputation:
Contatta:

Re: Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Messaggio da Marco Leoncino II° »

Grazie Diego, risposte molto esaustive. Sto anche valutando di prepararmi gli sviluppi per carta (tono neutro e caldo).

Avatar utente
Marco Leoncino II°
guru
Messaggi: 698
Iscritto il: 04/01/2016, 16:17
Reputation:
Contatta:

Re: Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Messaggio da Marco Leoncino II° »

Rieccomi:

non mi sono fidato di comprare il metolo e l´idrochinone su Ebay, visto che in vecchie discussioni si parlava di chimici di dubbia provenienza, per cui li ho ordinati presso un negozio di chimica vicino a casa mia:
7b02b603-6d0c-463e-b82e-fa06e2e341e3.jpg
il sodio solfito ed il borace gia´ l´avevo (comprati su Ebay, purezza dichiarata al 98%). Due giorni fa ho preparato un litro di D76 e ieri ho sviluppato un rullo nella diluizione 1:1. Risultati promettenti! E´ stato emozionante quasi come sviluppare il primo rullino!

Avatar utente
Mandelbrot
guru
Messaggi: 637
Iscritto il: 28/07/2015, 23:24
Reputation:

Re: Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Messaggio da Mandelbrot »

Ciao
Che tipo di bilancia usare per pesare queste polveri!
Potete darmi qualche suggerimento?
Grazie
Mario

Avatar utente
Marco Leoncino II°
guru
Messaggi: 698
Iscritto il: 04/01/2016, 16:17
Reputation:
Contatta:

Re: Preparazione D76 a partire dai chimici puri.

Messaggio da Marco Leoncino II° »

Mandelbrot ha scritto:
15/10/2020, 21:42
Ciao
Che tipo di bilancia usare per pesare queste polveri!
Potete darmi qualche suggerimento?
Grazie
Quelle dei cinesi, che sono usate con orgoglio dai pesaliquidi, vanno bene. Io pero´ le trovo primitive e preferisco fidarmi di una bilancia meccanica piuttosto che di un sensore di pressione che col tempo potrebbe perdere affidabilita´. E poi quelle cinesi si rompono dopo pochi mesi, sono di plasticaccia e dipendono dalle batterie. Adopero una Ohaus cent-o-gram come questa:
Unbenannt.PNG
Nuova costa sui 300 Euro, io la pagai circa 10 euro (!) perche´ il venditore la mise in vendita su Ebay in un´asta che ando´ deserta. Mi disse che la metteva in vendita ad un prezzo basso perche´ non era in grado di usarla perche´ troppo complicata (sic!).
Se cerchi su Ebay (almeno su Ebay.de) ne trovi spesso, usate, a prezzi interessanti.

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi