Dal digitale all analogico

Discussioni su tecniche fotografiche, esposizione, sistema zonale, post produzione digitale ed altro

Moderatore: etrusco

Avatar utente
Darkinoz
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/2018, 0:37
Reputation:

Dal digitale all analogico

Messaggioda Darkinoz » 28/05/2018, 0:47

Salve.
Ho accantonato per un pò il digitale e mi cimento con una nikon F80 nell analogico.

Il mio primo rullino non è andato.ne bene ne male.. ho visto che ho delle.ombre troppo chiuse..
In genere tendo a esporre.per le luci...

Ho visto che l esposimetro anche a matrix in realtà.non copre una vasta area del fotogramma.. ma sembra di piu uma lettura al cnetro.. leggermente piu sensibile..
La.mia d90 reagisce meglio in matrix
.
Consigli particolari su come usare il film? Mi sa che mi conviene esporre sulle.ombre..



Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5633
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda -Sandro- » 28/05/2018, 8:30

In estrema sintesi la pellicola si espone per le ombre (che significa cercare la zona d'ombra voluta e sottoesporla adeguatamente), ma bisogna conoscere la reale sensibilità che non è quella dichiarata. Poi si sviluppa in modo da avere le luci non troppo dense (che significa aver misurato il contrasto della scena ed aver fatto prove preliminari per conoscere l'esatta energia dei vari tempi di sviluppo per la pellicola scelta). Vanno cassati alla fonte esposimetri multi-tutto perché non si sa esattamente cosa facciano (e invece DEVI saperlo), ed il giudizio tramite scansione dei negativi. Anche lo sviluppo del laboratorio non può essere fonte di giudizio perché non saprai mai esattamente cosa abbiano fatto.
In questa sintesi c'è un universo intero di anni di studio e applicazione.

Si può iniziare da qui:

http://www.analogica.it/rivelatore-tri- ... 8-150.html



Avatar utente
Darkinoz
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/2018, 0:37
Reputation:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda Darkinoz » 28/05/2018, 12:21

-Sandro- ha scritto:In estrema sintesi la pellicola si espone per le ombre (che significa cercare la zona d'ombra voluta e sottoesporla adeguatamente), ma bisogna conoscere la reale sensibilità che non è quella dichiarata. Poi si svil.....

Coao.. grazie. Che intendi per DEVI saperlo e accantonare gli esposimetri?
In gnere questo mi da un valore che piu mi avvicina ad intrrpretare la scena. Se dovessi settare a occhio onestamente non saprei come fare



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5633
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda -Sandro- » 28/05/2018, 12:31

Intendo dire che gli esposimetri (interni) che agiscono secondo un programma più o meno elaborato non sono adatti, avrai sempre un'esposizione più o meno sbagliata. Leggiti con santa pazienza quella discussione, c'è tutto quel che occorre sapere.



Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2246
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda ammazzafotoni » 28/05/2018, 12:34

Darkinoz ha scritto:
-Sandro- ha scritto:In estrema sintesi la pellicola si espone per le ombre (che significa cercare la zona d'ombra voluta e sottoesporla adeguatamente), ma bisogna conoscere la reale sensibilità che non è quella dichiarata. Poi si svil.....

Coao.. grazie. Che intendi per DEVI saperlo e accantonare gli esposimetri?
In gnere questo mi da un valore che piu mi avvicina ad intrrpretare la scena. Se dovessi settare a occhio onestamente non saprei come fare
Accantonare esposimetri complessi (matrix, multi zona...) caratteristici TTL delle fotocamere reflex e utilizzare un esposimetro semplice, magari spot, che ti restituisca il classico valore della zona V, che sarà poi da interpretare.



Avatar utente
Darkinoz
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/2018, 0:37
Reputation:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda Darkinoz » 28/05/2018, 14:30

Gia.. ma da come ho visto è molto difficile oggi scattare con sistema zonale in analogico.

Se devo fare un sotto sviluppo e recuperare il cielo.. tranquillo he in laboratorio non te lo fanno. Scansionano e stampano! Vi risulta? Avete queste difficoltà?



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5633
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda -Sandro- » 28/05/2018, 14:46

Il cielo si recupera in stampa, sotto l'ingranditore, invece il negativo deve essere perfettamente esposto e sviluppato, se lo pieghi al sistema di rappresentazione digitale (scansione e visualizzazione) lo rovinerai.
Non tutti i laboratori scansionano e stampano in digitale, io ad esempio stampo in modo tradizionale, e sviluppo in accordo con i bisogni del cliente. Quindi se sei nella fase in cui hai bisogno di un laboratorio di fiducia perché non sei ancora pronto per fare da te, puoi rivolgerti a me. Nella sezione partnership del forum trovi tutti i ragguagli.



Avatar utente
Darkinoz
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/2018, 0:37
Reputation:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda Darkinoz » 28/05/2018, 15:20

Wow.. grazie ci penserò. Nella mia zona gli ingranditori non ci sono piu e viene fatto tutto da scanner.
Mi dicono che passare il negativo sullo scanner e stampare non vuol dire digitalizzarlo.. ma non capisco non stampano sempre un file??
Si vede tanta la differenza tra una scansione e una stampa tradizionale? Cosa cambia in realta?

Ps vedro di recuperare qualche libro di adams



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5633
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda -Sandro- » 28/05/2018, 15:30

La differenza tra una stampa tradizione ed una digitalizzata fatta da un laboratorio commerciale è enorme. Poi ci sono anche le stampe digitali di qualità, ma se le fanno pagare molto care, e sulla loro presunta superiorità ci sarebbe da discutere per ore, anche accanitamente, e non è questo il luogo adatto.
La folle corsa al ribasso dei prezzi delle stampe ha svilito il lavoro dello stampatore, facendoli chiudere quasi tutti. Per contro chi propone oggi stampe di laboratorio a pochi centesimi, essendo oberato enormemente dai costi non può assolutamente dedicare risorse umane alla stampa. Sono tutte figlie di macchine da stampa automatiche ed anche fuori taratura, perché l'intervento di un tecnico che le metta a punto non rientra nel budget. Così come la chimica esausta la fa da padrona. Costa cara a comprarla, costa cara a smaltirla, resta ferma e si ossida. Tirano il collo ad ogni passo durante tutto il procedimento. Così le stampe costano pochissimo, ma fanno schifo.
Purtroppo il paragone lo si può fare solo personalmente, tenendo in mano le due stampe. Ogni considerazione sul maggior costo cadrà all'istante. Meglio stamparne poche, ma godere, piuttosto che metter via un'albumetto cellophanato pieno di schifezze inguardabili, anche se costate poco.



Avatar utente
Darkinoz
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/2018, 0:37
Reputation:

Re: Dal digitale all analogico

Messaggioda Darkinoz » 28/05/2018, 16:57

Me lo consiglieresti uni scanner?
Io non capisco una cosa.. se quello che stampano da scansione è un file digitale o meno.. sostengono di no.
Ma poi dietro le foto c è scritto .jpg... quindi sono anche ignoranti in materia?





  • Advertisement

Torna a “Tecniche fotografiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Feedfetcher e 2 ospiti