kodak ci lascia....?

Spazio Aperto a qualunque tipo di discussione, idea o proposta non necessariamente legata alla fotografia

Moderatore: DanieleLucarelli

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

kodak ci lascia....?

Messaggioda franny71 » 19/01/2012, 10:01



Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Advertisement
Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4635
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

kodak ci lascia....

Messaggioda etrusco » 19/01/2012, 10:35

L'ho sentito alla radio questa mattina... Dichiarata la bancarotta!

Duro colpo...


Etrusco.

Sent from my iPhone using Tapatalk.


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9420
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: kodak ci lascia....

Messaggioda chromemax » 19/01/2012, 11:44

E' un'amministrazione controllata, per vedere di rientrare dai debiti. Non significa che Kodak chiuderà domani, magari riesce a mettersi in sesto e a trovare una sua via. Sul settore pellicola chi vivrà vedrà.



luca_dega
superstar
Messaggi: 1506
Iscritto il: 17/11/2011, 13:34
Reputation:

Re: kodak ci lascia....

Messaggioda luca_dega » 19/01/2012, 12:18

cavoli, c'è da sperare che almeno qualcuno resti.... ma tutto dipende ... da noi: se di un prodotto c'è richiesta, lo si produce e vende, altrimenti no. Però è innegabile che non c'è spazio per tutti: oramai la pellicola è un prodotto decisamente di nicchia !
A mio avviso, nel giro di qualche anno (temo) rimarrà in piedi solo Ilford.
La Fuji d'altro canto sembra abbia intrapreso la strada giusta per sopravvivere e chiude ogni anno in attivo: questo fa ben sperare che "non gli passi la voglia" di produrre le ACROS 100...anche se si potrebbe invecie pensare che, a fronte del managment "aggressivo" che gli ha permesso di sopravvivere alla grande, "chi glie lo fa fare" di continuare a perdersi dietro ad un settore che poco porta in termini di soldini...
Mah.
vedremo. Intanto mi par di capire che ci sono diversi giovani che si accostano alla pellicola BN ed alla camera oscura...e questo mi fa gioire. Dopotutto, se si pretende che una pellicola/carta continui ad esistere, bisogna quantomeno continuare a comprarla !



Advertisement
Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4635
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: kodak ci lascia....

Messaggioda etrusco » 19/01/2012, 12:57

Fonte ansa.it (http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 78971.html)

Eastman Kodak getta la spugna e richiede la bancarotta assistita. L'icona della fotografia soccombe alle nuove tecnologie, alla mancanza di liquidità e all'incapacità di vendere i propri brevetti. La società durante il Chapter 11 (amministrazione controllata) continuerà a operare grazie al finanziamento da 950 milioni di dollari che si è assicurata da Citigroup.

"La riorganizzazione punta a rafforzare la liquidità, a monetizzare la proprietà intellettuale non strategica e a far concentrare la società sulle attività di maggior valore", afferma Eastman Kodak in una nota. La richiesta per il Chapter 11 è stata presentata a un tribunale di Manhattan: nella documentazione Eastman Kodak dichiara asset per 5,1 miliardi di dollari e 6,75 miliardi di dollari di debito.

Dominic Di Napoli è stato scelta alla guida del processo di ristrutturazione. Il Chapter 11 rappresenta un duro colpo per l'amministratore delegato Antonio Perez: durante la sua gestione Kodak ha bruciato 7 miliardi di dollari di valore di mercato. Eastman Kodak si augura di emergere dalla bancarotta il prossimo anno dopo aver tagliato i costi e venduto parte del portafoglio brevetti.

Da quando Perez ha assunto le redini di Eastman Kodak nel 2005, la società ha accusato perdite ogni anno. Fondata 131 anni fa e con 19.000 dipendenti, la Kodak ha messo in guardia sullo stato precario dei propri conti a novembre, avvertendo che se non fosse riuscita a vendere i propri brevetti o a raccogliere nuovi capitali avrebbe esaurito la liquidità a sua disposizione. Colosso della fotografia fino a pochi anni fa, Kodak ha sperimentato una forte crisi mentre tentava di orientare nuovamente la propria attività. I problemi si sono intensificati nel 2001.

Lo scorso autunno Kodak ha assunto alcuni consulenti per ristrutturarsi e ha terminato una linea di credito da 160 milioni di dollari, alimentando i timori sulla sua sopravvivenza. Kodak ha tentato per mesi di risanare i propri conti con la vendita dei brevetti, un processo rallentato dai timori dei potenziali acquirenti sulla eventuale richiesta di bancarotta da parte della società.


Non è ancora finita....è solo in crisi.

@franny71: Mi sono quindi permesso di aggiungere un "?" al titolo del post ...


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4635
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: kodak ci lascia....?

Messaggioda etrusco » 19/01/2012, 13:08

C'è una cosa che mi da fastidio (sto seguendo i tweet con hash tag #kodak su twitter) ... ora ricominceranno a dire che la fotografia analogica è fallita e non ha futuro ...


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11687
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: kodak ci lascia....?

Messaggioda Silverprint » 19/01/2012, 13:49

Teniamo duro e diffondiamo questa cultura!

È il paradosso delle tecnologie mature, raggiunti livelli di qualità altissima c'è sempre qualche avido che arriva e vorrebbe distruggere tutto. La fotografia analogica è stata suicidata, era sanissima. Fare il fotografo poteva essere una professione qualificata (a seconda di capacità ed ambizioni) e giustamente retribuita. 12 anni fa andava tutto bene, eppure, col marketing sono riusciti a convincere tutti che il digitale di allora (una vera schifezza, però tecnicamente immatura e perciò redditizia) era meglio! La crisi si è fatta sentire proprio nel 2001, con un grande calo dei rullini venduti per le vacanze... in Italia fino ad allora se ne vendevano circa 50 milioni! 50 milioni di pellicolaccia (kodak sopratutto). Immaginate che razza di indotto ne poteva venire fuori i laboratori commerciali avevano dimensioni industriali!
In tutto ciò il comparto professionale (B/N incluso) rappresentava circa il 5%.... Al giorno d'oggi quel magro 5% si è ridotto drammaticamente.

Però la Kodak ne ha colpa! Ed è qui che parlo di suicidio. È stata da sempre la promotrice di una fotografia di massa e di scarsa qualità (salvo avere poi una linea professionale, dei tecnici, e capacità di eccellenza). Insomma, se per il pubblico generico la qualità delle digitaline da due soldi dei primi 2000 era paragonabile ai risultati che la Kodak gli propinava da anni, non cambiare politica puntando sulla qualità (allora drammaticamente superiore come potenzialità) imponendo ai laboratori commerciali procedure corrette significava, ovviamente, suicidarsi.

L'ultima grande rivoluzione è stato l'autofocus (sostanzialmente inutile, o raramente utile). Con l'autofocus si è reso, o meglio fatto percepire come "obsoleto" buona parte del parco macchine. Il giochino ha funzionato per qualche anno (era una tecnologia immatura, appunto), ma raggiunta la maturità dovevano assolutamente trovare il modo di rendere nuovamente obsoleto il parco atterezzature. Veramente non c'era niente di meglio di una tecnologia del cavolo gravemente immatura e piena di reali problemi tecnici per fare una montagna di soldi! Ci pensate che goduria? Vendere oggi apparecchi che solo domattina saranno già obsoleti! Una manna.... E noi? Polli! =))
E comunque, daje e daje la maturazione della tecnologia colpisce ed il ritmo di sostituzione delle attrezzature cala e calano anche i $$$! Molto presto quindi gli toccherà inventare un'altra cagata, trovare un'altra tecnologia farlocca, ma che presenti possibilità di sviluppo e di marketing e ci sarà la fotografia dfgbetet che sconquasserà il mercato della digitale, distruggerà redditi e cultura, manderà a spasso milioni di persone, e ricominceremo tutto da capo.

In tutto ciò, ovviamente i risultati non contano, quelli ce li sudiamo sul campo noi fotografi, analogico o digitale che sia, costringendo macchine pensate per lavorare male a lavorare bene. Ci vuole passione, cultura, dedizione, anni di vita... Niente che possa interessare a chi pensa al business d'una multinazionale.

Che bella filippica!!! :)) :))


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

luca_dega
superstar
Messaggi: 1506
Iscritto il: 17/11/2011, 13:34
Reputation:

Re: kodak ci lascia....?

Messaggioda luca_dega » 19/01/2012, 13:51

etrusco ha scritto:C'è una cosa che mi da fastidio ... ora ricominceranno a dire che la fotografia analogica è fallita e non ha futuro ...


a me invecie da fastidio un'altrta cosa, sempre nella mia solita chiave polemica: passi per i professionisti, che con le foto ci devono campare e si interfacciano con un mondo sempre più disattento e frenetico (digitale = manna dal cielo), ma dove cavolo sono finiti i Fotoamatori con la F maiuscola?
Quelli che "sulla qualità del risultato non si discute" ?
Quelli del "voglio il meglio che riesco a permettermi" ?
Possibile ?!
E che non mi si venga a dire che il digitale è in grado di dare le stesse soddisfazioni (e risultati) dell'analogico... non ad oggi, per lo meno. E non con le ottiche-plastica dei giorni d'oggi.
Non voglio mancare di rispetto ai gusti e decisioni d'altri, ma da fotoamatore abbastanza...consumato posso dire che le perverse strategie di mercato stanno distruggendo la vera Fotografia. E non a causa del digitale in sé (dopotutto trattasi semplicemente di un supporto alternativo alla pellicola...) ma per l'approccio commerciale che ne è nato e derivato...
Fino a quindici anni fa non c'erano moltissimi Fotoamatori, però quelli che c'erano lo erano senza compromessi, economicamente permettendo (non era da tutti. Io a 18 anni avevo una Yashica col 50mm ed era già stato un grosso sacrificio).
Dove sono finiti ? Dove siete ? Vi siete EVOLUTI al digitale ? o forse è meglio chiedere se vi siete CONFORMATI al digitale ?.. O era solo pieno di fanfaroni anche allora, con la Hasselblad al collo ? (che, per inciso, ora regalano a noi, per potersi comprare l'ultimo modello di digitale)...

Polemiche a parte...voglio dire...uno che è un qualcosa-amatore lo dovrebbe essere a prescindere dalle strategie di mercato. No ?
secondo me (ribadisco e sottolineo: secondo me) per un Fotoamatore è impensabile che ad esmpio una tri-X sparisca a discapito del digitale. Eppure è così.

scusate lo sfogo.... :ymblushing:



luca_dega
superstar
Messaggi: 1506
Iscritto il: 17/11/2011, 13:34
Reputation:

Re: kodak ci lascia....?

Messaggioda luca_dega » 19/01/2012, 13:57

Silverprint ha scritto:Molto presto quindi gli toccherà inventare un'altra cagata, trovare un'altra tecnologia farlocca, ma che presenti possibilità di sviluppo e di marketing e ci sarà la fotografia dfgbetet che sconquasserà il mercato della digitale, distruggerà redditi e cultura, manderà a spasso milioni di persone, e ricominceremo tutto da capo.


Lo stanno già facendo !!!!!!! :))
ad oggi, i ragazzini sono CON-VIN-TI che futuro della fotografia significhi I-Phone e ci sono popò di libri del tipo "fotografare con l'I-Phone", nonchè articoloni su riviste e siti... ma vi rendete conto? Il futuro della fotografia passa per l' I-Phone...
sempre peggio.... Si è persa completamente la percezione della qualità, non solo in fotografia (sarà a causa dell'invasione del made-in-China ? mah)



Avatar utente
matrobriva
appassionato
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2011, 16:12
Reputation:
Contatta:

Re: kodak ci lascia....?

Messaggioda matrobriva » 19/01/2012, 14:56

Avevo letto anch'io l'articolo su Repubblica ed ero venuto quì per scrivere anche io riguardo a questa notizia...

Purtroppo ogni giorno sono terrorizzato dalla possibilità della scomparsa delle pellicole, poi vedo siti come questo e mi rendo conto che ancora siamo in molti ad utilizzare la fotografia analogica.

L'eventuale morte della pellicola sarebbe la vera morte della fotografia. La fotografia digitale può essere considerata un "aiuto" alla fotografia, ma le vere foto sono analogiche. Anch'io utlilizzo delle vecchie digitali "da discarica" per inserire nei miei siti immagini di guide e tutorial, ma con il digitale il vero senso della fotografia viene meno: l'immagine che forse più odio della fotografia digitale è quella del modo di scattare le foto. Mentre noi analogici perdiamo decine di minuti a volte per trovare la perfetta inquadratura/esposizione/apertura/messa a fuoco molti pseudofotografi digitali tengono semplicemente premuto il pulsante di scatto facendo roteare la macchina fotografica attorno a se e poi scegliere "quale è venuta"... scusate, non sarebbe uguale comprare una cartolina ed appiccicarci la propria faccia con lo scotch?
Poi, molte foto digitali restano per anni a marcire dentro gli hard disk: scattate in migliaia, non stampate e forse nemmeno viste, insomma spazio sprecato.

C'è anche il fattore "qualità": nessun sensore digitale dei prossimi 30 anni almeno riuscirà ad eguagliare la risoluzione che ha una pellicola a grana fine e scattando con lo stile "pseudofotografico", ovvero quello che citavo prima, non si otterrano mai gli scatti meravigliosi capaci di descrivere il mondo meglio della realtà e facendosi immergere nel paesaggio.

Infine, la vera cosa che non sopporto, è la saccenza con il quale moltissime persone giudicano la pellicola come antiquata e mi ritengono un "rincoglionito" perchè, a differenza loro, scatto foto impressionando pellicola con la luce e non facendo rilevare qualcosa a dei sensori made in China.

Odio supremo per chi fa le foto con l'i-phone. Intanto, l'i-phone (così come un altro iMerd della apple) non sarebbe degno nemmeno di esistere, ma poi chi si spaccia per fotografo scattando istantanee con quell'aggeggio con ottiche di plastica, sensore trovato nelle fogne e corpo macchina cagato da una mucca (scusate i termini, ma quando ce vò, ce vò) mi viene il mal di stomaco.

Spero che questo discorso non vi abbia annoiato (-|
Lunga vita alle pellicole!





  • Advertisement

Torna a “Open Space”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti